Analisi della redazioneFormula 1

Honda: quattro team si contendono la partnership

Il sesto incomodo è alla ricerca di team, ma chi è il più papabile?

Honda è nella entry list per essere un fornitore di power unit ma non ha ancora un team partner

Honda è uno dei sei fornitori per la griglia 2026, insieme a Red Bull Powertrains-Ford, Ferrari, Alpine, Mercedes e Audi. Ora cerca di offrire l’opportunità a un attuale team di clienti di motori di avere un accordo esclusivo per se stessi in futuro.
Quindi, con questo in mente, diamo un’occhiata ai contendenti.

Aston Martin: la partnership con Honda è la più sensata

La partnership Honda con Aston Martin sembrerebbe avere più senso sia per il fornitore di unità sia per il team.
Non è un segreto che Aston abbia investito molto per migliorare la propria infrastruttura, abbastanza da competere con i grandi vincitori della Formula 1. Con una nuova fabbrica e una galleria del vento in corso d’opera a Silverstone, sembra che il prossimo passo logico nel loro progresso sarebbe quello di guadagnare il loro fornitore di motori “di fabbrica”.

L’Aston Martin è attualmente uno dei tre clienti Mercedes sulla griglia, quindi ha i vantaggi dell’esperienza delle Frecce d’argento e dell’esperienza pluripremiata degli ultimi anni, ma se scelgono di seguire la propria strada, la Honda potrebbe essere il biglietto vincente. Dato che Haas ha reso i loro legami apparentemente più stretti con la Ferrari nell’ultimo anno, creando una base tecnica a Maranello accanto alla fabbrica della Scuderia dopo aver assunto molti dei loro ex membri nel team, sembra improbabile che rinuncino ai loro legami con la Ferrari in qualsiasi momento.

Gene Haas ha anche rifiutato diversi approcci di Michael Andretti sull’acquisizione della sua squadra in passato, quindi è improbabile che per il momento ci siano imminenti cambiamenti al riguardo.
Detto questo, come ha notoriamente attestato Murray Walker: “Tutto può succedere in Formula 1, e di solito succede”.
Ma per la Honda, salvo imprevisti, Haas sembra una destinazione improbabile per ora.

McLaren potrebbe essere la terza volta fortunata per una partnership McLaren-Honda?

L’attuale contratto da cliente della McLaren con la Mercedes durerà almeno fino al 2024. Sebbene il team non sia riuscito a resuscitare il dominio del loro primo periodo, a metà degli anni 2010, il graduale aumento della competitività della Honda nel tempo dovrebbe far valutare alla McLaren le proprie opzioni, Honda inclusa.
I ricordi recenti possono ancora bruciare da entrambe le parti dato il modo in cui la famigerata frase del GP2 engine di Fernando Alonso colpì la reputazione della Honda all’epoca, ma è passato quasi un decennio dall’ultima volta che il team e il marchio hanno lavorato insieme. Con il nuovo regolamento e gestione interna, i ponti potrebbero essere riallacciati.

Williams: tutto da rifare…anche le partnership

Il terzo e ultimo team cliente della Mercedes in questa lista potrebbe non essere incline a rinunciare al potere delle Frecce d’argento in qualunque momento, a meno che l’ex direttore della strategia Mercedes e neo team principal della Williams, James Vowles, non si senta audace nel portare la squadra in una nuova direzione.
Ma come la McLaren, la collaborazione tra Honda e Williams farebbe risorgere una coppia leggendaria nei circoli di Formula 1, con il marchio giapponese che ha portato la squadra alla gloria del Campionato del mondo rispettivamente nel 1986 e nell’87.

Certo, il precedente ingresso di Honda come costruttore in Formula 1 lasciava molto a desiderare rispetto agli standard che si erano prefissati, ma come nel caso di Ford, il rientro di un marchio di spicco da un mercato chiave, nello sport farebbe miracoli per il lato commerciale delle cose. I team stessi sono stati tiepidi alla prospettiva di aggiungere più vetture alla griglia, come dimostrerebbe la loro reazione alle avance di Michael Andretti, quindi sarebbe tutt’altro che certo che un’offerta Honda avrebbe successo, ma un modo infallibile per ottenere la tua power unit sulla griglia sarebbe avere il proprio team ufficiale…

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio