DichiarazioniFormula 1Gran Premio Messico

Hamilton: “Non ho paura di dire la mia”

Il pentacampione del mondo ha risposto così alle critiche che gli sono state rivolte in merito al suo impegno per la salvaguardia dell’ambiente

Alla consueta conferenza stampa del giovedì pregara, l’attenzione è stata tutta su Lewis Hamilton, che nelle settimane precedenti ha fatto molto parlare di sé per alcuni messaggi su Instagram

Il primo incontro tra piloti e stampa all’Autódromo Fratelli Rodríguez ha visto “protagonisti” l’italiano Antonio Giovinazzi, Alexander Albon, Sebastian Vettel, Sergio Perez e Lewis Hamilton.
“Protagonisti” perchè forse in questo caso parlare al plurale non è del tutto corretto. Quella cui abbiamo assistito ieri, più che una conferenza stampa in vista dell’edizione 2019 del GP del Messico, è parsa un’intervista di gruppo al solo Hamilton, ogni tanto interrotto da qualche affermazione dei suoi colleghi lì presenti.

Il pilota inglese è stato infatti subissato di domande; sempre le stesse: “Per quale motivo hai scritto quei messaggi sul tuo profilo Instagram?“, “Quale tipo di cambiamenti hai apportato alla tua vita quotidiana per aiutare l’ambiente?“.
Hamilton avrebbe avuto forse voglia di parlare di altro, come del suo imminente sesto titolo mondiale e delle sensazioni che ha per questo weekend, ma, nonostante tutto, è sembrato piuttosto a suo agio nell’approfondire un tema che gli sta tanto a cuore e nel quale crede fortemente.

E’ IL MIO PROFILO E DECIDO IO COME IMPIEGARLO”

Più ci si espone e più si è soggetti alle critiche; una conseguenza abbastanza ovvia.
Hamilton lo sa bene e, dopo le parole non proprio accondiscendenti dello spagnolo Fernando Alonso sul suo stile di vita e su come il suo ex compagno di team lo promuova sui social, la risposta del cinque volte campione del mondo è arrivata forte e chiara: “Tanta gente ha la propria opinione rispetto a come uso i miei social, però quello è il mio spazio e dipende da noi come vogliamo impiegarlo“.

Per me non è stato semplice. Corro in F1 e viaggio in tutto il mondo, quindi emetto molto diossido di carbonio, ma questo non significa che io debba temere di parlare del cambiamento climatico o di ciò che possiamo fare per aiutare il pianeta” – ha dichiarato il britannico. “Cerco di migliorare l’impatto che ho sul mondo e di essere ogni giorno che passa maggiormente consapevole. Tento di fare qualcosa di positivo” – ha aggiunto.

HAMILTON PARLA DI COME E’ CAMBIATA LA SUA VITA

Come riporta soymotor.com, molta è stata poi la curiosità rispetto a come il numero 44 delle Frecce d’Argento abbia modificato il suo stile di vita, ora più in linea con la sua nuova filosofia pro-ambiente. Hamilton ha descritto in maniera dettagliata ciò che fa e continua a fare per avere un sempre minore impatto sull’inquinamento del pianeta.

Ho guardato un documentario che mi ha reso cosciente di alcune cose di cui prima non mi accorgevo; mi ha ispirato a voler fare di più. Entro la fine dell’anno, non permetterò di entrare nel mio ufficio e in casa mia con della plastica, favorendo invece solo cose riciclabili, dal deodorante allo spazzolino”. 

E per chi lo “accusa” di predicare bene e razzolare male, data la natura dispendiosa della F1: “Ho venduto il mio jet un anno fa e viaggio molto meno durante l’anno, spesso con voli commerciali. Gareggiare continua a piacermi e non voglio smettere. Se si guarda alla F1, qui le cose sono cambiate: usiamo un terzo del carburante e sto spingendo affinché si faccia sempre meglio. Non è qualcosa che fai in poco tempo; io sono positivo e cerco di incoraggiare le persone intorno a me a fare lo stesso ” – ha precisato Hamilton.

 

View this post on Instagram

 

Cuando dos leyendas se cruzan. 👀 @lewishamilton y @jcchavez115. #TrainLikeALegend

A post shared by PUMA México (@pumamexico) on Oct 24, 2019 at 6:15pm PDT

SONO UMANO E HO ANCHE IO DEGLI ALTI E BASSI”

Ammaliati dal luminoso mondo della F1, ci capita di dimenticare che sotto quei caschi di vernice ci siano dei normalissimi ragazzi. Certo, con un talento non comune, ma, in fondo, sempre giovani uomini.
Tenerlo a mente a volte è difficile. Lo è ancora di più se si pensa a una star mondiale del calibro di Lewis Hamilton.

Eppure, anche lui vive momenti di sconforto e difficoltà, e ha voluto ricordarlo: “Sono umano. Tutto il mondo ha degli alti e bassi e io volevo trasmettere questo. Per la gente sui social, è difficile rendersi conto che anche i personaggi famosi hanno sentimenti e periodi no. Alla gente questo non importa. Non è stato uno dei momenti più facili per me, ma ho chi mi appoggia. Stanno succedendo molte cose nella mia vita in questo momento, e sono positivo per il fine settimana. Faccio quello che amo fare e resto positvo, anche se non è sempre facile riuscirci. Cerco di essere sempre limpido nel mostrare i miei sentimenti, ma sono concentrato nel vincere il mondiale quest’anno ” – ha sottolineato Hamilton alla stampa.

LE CRITICHE COME PARTE DEL GIOCO

Il pilota Mercedes ha assicurato di non badare troppo alle critiche poco costruttive nei suoi confronti: “Non investo troppo tempo nel leggere i commenti perchè so che ognuno ha la propria opinione. E’ parte del gioco. Non lascio che questo mi condizioni perchè so che sto facendo qualcosa di positivo, nonostante ci siano persone che tentano di evitarmi o demoralizzarmi. Voglio essere fedele ai miei valori” – ha raccontato a cuore aperto Hamilton.

Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button