Formula 1Gran Premio Ungheria

GP Ungheria, la griglia di partenza

George Russell mette a segno la prima pole position della carriera beffando le Ferrari. Verstappen chiamato alla rimonta

La griglia di partenza del GP d’Ungheria ci consegna Russell che strappa la prima casella dalle mani di Sainz. Leclerc solo terzo, ma Verstappen è lontano

Il sabato ungherese porta la firma di George Russell, autore in Q3 di un grandissimo giro che lo porta a conquistare la sua prima pole position. L’inglese riporta così la Mercedes dopo tredici gare a scattare dalla prima casella e aprirà la griglia di partenza del GP d’Ungheria. Prime inseguitrici sono le due Ferrari di Carlos Sainz, beffato per soli 44 millesimi, e Charles Leclerc. Il monegasco ha mostrato qualche difficoltà durante tutte e tre le sessioni finendo anche alle spalle del compagno di squadra. Al fianco del ferrarista troviamo un ottimo Lando Norris che approfitta dell’assenza delle Red Bull e si piazza in quarta posizione, confermando l’ottimo trend mostrato nella giornata di ieri.

Terza fila tutta di marca Alpine con Esteban Ocon che, dopo essere stato sempre alle spalle di Fernando Alonso, si posiziona proprio davanti allo spagnolo. In settima piazza troviamo Lewis Hamilton, distante ben otto decimi dal poleman. Al suo fianco ci sarà l’Alfa Romeo dell’ex compagno Valtteri Bottas, tornato in Q3 dopo un digiuno che durava dal GP di Spagna. Chiudono i primi dieci la McLaren di Daniel Ricciardo e Max Verstappen, vittima di problemi al motore mentre si accingeva a cominciare l’ultimo tentativo di giro veloce.

Oltre la top ten: Perez in grande difficoltà, Vettel paga l’errore in FP3. Haas, per ora gli aggiornamenti non danno i frutti sperati

Continua il momento di difficoltà per Checo Perez, vicino in griglia a Verstappen ma molto lontano nei tempi. Alle spalle dei due piloti Red Bull troviamo il rookie Guanyu Zhou e Kevin Magnussen. Il pilota danese questo weekend porta sulla sua monoposto i primi upgrade stagionali ma che, fin’ora, non hanno prodotto risultati. Nonostante sia solo quattordicesimo compie un piccolo passo in avanti Lance Stroll, sinonimo che la nuova ala posteriore ha fatto trovare un pizzico di performance all’Aston Martin.

Terz’ultima fila per Mick Schumacher e Yuki Tsunoda, seguiti a ruota da Alexander Albon e Sebastian Vettel. Il tedesco paga l’errore commesso nel finale di FP3, dovendo guidare una vettura non più bilanciata a dovere. Chiudono lo schieramento Pierre Gasly, ancora una volta in difficoltà, e Nicholas Latifi, autore di un clamoroso quanto inaspettato primo posto nell’ultima sessione di prove libere.

Di seguito la griglia di partenza del Gran Premio d’Ungheria:

Martina Luraghi

Amante dello sport: a primeggiare sono ovviamente i motori, ma anche il calcio e un pizzico di tennis. Tra gli altri interessi spiccano la musica e tutto ciò che riguarda il Giappone, da cui nasce la mia voglia di viaggiare. Il mio grande obbiettivo è far diventare la mia passione un vero e proprio lavoro, arrivando a girare per i paddock di tutto il Mondiale di Formula 1. "Believe it." è da sempre il mio motto che rispecchia il mio carattere ambizioso e la determinazione che ho nel raggiungere i miei sogni. Può sembrare banale, ma voglio svegliarmi la mattina essendo felice perchè faccio quello che amo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio