DichiarazioniFormula 1Gran Premio Stati Uniti

GP Stati Uniti, Perez: “Pioggia nell’ultimo settore”

Il pilota messicano scatterà dal terzo posto in griglia di partenza alle spalle di Hamilton e Verstappen

Buona prestazione in qualifica per Perez, che domani cercherà di rendere la vita difficile ad Hamilton fin dalla partenza

Un weekend molto convincente quello che sta portando avanti Sergio Perez in questo Gran Premio degli Stati Uniti. Dopo aver primeggiato nella seconda e terza sessione di prove libere, il messicano è stato grande protagonista anche durante le qualifiche. Scatterà al terzo posto in griglia, alle spalle dei due contendenti al titolo, ma dopo il primo run della Q3 aveva addirittura accarezzato l’ipotesi di conquistare una sorprendente Pole Position. Queste le sue dichiarazioni nella tradizionale intervista del post-qualifica.

“Oggi siamo andati molto bene, dopo il primo tentativo ero addirittura in Pole. Il team ha fatto un ottimo lavoro e forse c’erano le carte in regola per occupare tutta la prima fila. Ma purtroppo il mio ultimo giro non è stato all’altezza del primo. Non sono riuscito ad essere preciso e nell’ultimo settore c’era anche la pioggia. Comunque partiamo da una buona posizione e sono contento della mia qualifica”. 

“Domani la gara sarà molto lunga ed è difficile fare delle previsioni. Partiamo da una buona posizione e dobbiamo riuscire a mantenerla durante la partenza, ma sappiamo che le gomme qui hanno un ruolo cruciale. Guardiamo a domani con un certo ottimismo, ma sappiamo che sarà dura e si dovrà avere tanta intelligenza”, ha concluso il pilota messicano, conscio delle tante variabili che potrebbero influenzare la domenica statunitense.

Un’abilità, quella di gestire le gomme con sagacia e intelligenza, di cui Perez è un vero e proprio maestro. Per Red Bull, complice anche la penalizzazione di Bottas che scatterà nono, quella di domani è un’occasione ghiotta per provare a rosicchiare terreno anche nella classifica costruttori. E anche per questo è di cruciale importanza avere un secondo pilota capace di offrire prestazioni di grande livello.

 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.