Formula 1Gran Premio Stati Uniti

GP Stati Uniti, Hamilton: “Divario ridotto, ma…”

Sembrava che la vittoria potesse essere alla portata del sette volte campione del mondo, che a fine gara ha fatto una menzione speciale al pubblico e al team

Uno straordinario Lewis Hamilton deve accontentarsi della seconda posizione nel GP degli Stati Uniti

A un certo punto della gara, la vittoria del GP degli Stati Uniti sembrava fosse alla portata di Lewis Hamilton. Ma nulla è servito contro la supremazia della Red Bull di Max Verstappen. Nonostante ciò, il britannico a fine gara si è complimentato con il team per la strategia adottata, perché mirata a fargli tentare il tutto per tutto per vincere. Purtroppo però mancava il passo. Nelle dichiarazioni rilasciate a caldo al termine del GP degli Stati Uniti, Lewis Hamilton fa una menzione speciale al grande pubblico di Austin, che l’ha supportato giro dopo giro.

Una menzione speciale al pubblico e al team

“Innanzitutto voglio ringraziare il pubblico, perché è stato davvero fantastico! Questo è stato il pubblico più grande che abbiamo avuto sin da quando siamo venuti negli Stati Uniti. Grazie davvero a tutti. In secondo luogo voglio ringraziare il mio team, per la strategia e non solo. Abbiamo portato degli aggiornamenti qui, che ci hanno permesso di ridurre un po’ il divario. Siamo arrivati davvero vicini alla vittoria e io ho fatto tutto il possibile per stare davanti. Red Bull però era troppo veloce e ha disputato una gran gara. Gli porgo le mie condoglianze per la scomparsa di Mateschitzha così dichiarato il sette volte campione del mondo.

Il tracciato di Austin è da sempre molto amato dai piloti. Seppur il GP degli Stati Uniti è considerato una gara ostica e sfiancante, Lewis Hamilton infatti ha concluso affermando: “Sono un po’ a pezzi! La monoposto era davvero difficile da guidare, ostica, ma nel corso della stagione abbiamo lavorato tantissimo con il team. Continueremo a dare tutto quello che abbiamo nelle ultime tre gare, e a un certo punto sono sicuro che le cose gireranno a nostro favore“. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button