Formula 1Gran Premio Spagna

GP Spagna, Verstappen: “Abbiamo fatto tutto bene”

L’olandese, in terra Iberica, conquista la sua seconda vittoria di fila e lancia un segnali ai suoi diretti rivali al titolo

Max Verstappen conquista la vittoria nel GP di Spagna e dimostra, nonostante una monoposto non dominante, di essere il re della Formula 1

Per la terza volta consecutiva, il circuito di Montmeló diventa terra di conquista per Super Max, dominatore del Circus. Il GP di Spagna di Verstappen, come tutte le gare da Imola in poi, non è stato facile, costringendolo a sudare la vittoria. L’edizione in terra iberica si è rivelata una delle più tattiche, con strategie e scelta delle gomme che hanno fatto la differenza. La gara ha ricordato molto quella del GP dell’Emilia Romagna: l’olandese si è ritrovato inseguito da Norris, che ha dimostrato di saper sfruttare al massimo la propria monoposto. Verstappen, a differenza dell’inglese, non sembra più avere la vettura più performante del Circus, ma riesce sempre a superare i problemi e a ottenere risultati superiori alle aspettative, grazie al suo immenso talento.


Alla partenza, l’olandese, scattato dalla seconda posizione, ha dovuto affrontare un arrembante Norris che lo ha leggermente spinto nell’erba mentre si difendeva. Dopo la prima curva, mantiene la seconda posizione, con Russell che è riuscito a conquistare la testa della corsa. Verstappen, alla seconda tornata, sorpassa l’inglese e diventa il leader, senza però riuscire a creare un divario significativo dal suo inseguitore. Con l’inizio della girandola dei pit stop, il box opta per montare gomme medie e l’olandese le sfrutta per riportarsi in prima posizione. Dopo il secondo stop, in cui montano le gomme soft, l’olandese fugge verso la vittoria, con Norris alle sue spalle che recupera sempre più secondi. Al termine del sessantesimo giro, Verstappen taglia per primo il traguardo e conquista la vittoria.

Dichiarazioni del pilota

Verstappen, intervistato da Coulthard, ha dichiarato: “Credo che la gara si sia decisa in partenza. Sono andato in testa al secondo giro, riuscendo a crearmi un piccolo divario. Abbiamo dovuto correre in difesa, a causa di Norris e della McLaren che erano particolarmente in forma oggi. Abbiamo fatto tutto bene, grazie anche a una strategia aggressiva che ha dato i suoi frutti. Siamo arrivati alla fine molto vicini ai nostri inseguitori, ma siamo lo stesso molto contenti. All’inizio della gara ho dovuto fare un po’ di rally, ma dopo aver passato George ho iniziato a gestire le gomme“.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio