Formula 1Gran Premio Spagna

GP Spagna, Russell: “Mercedes è tornata? Lavoriamo sodo”

Le parole a caldo del giovane pilota inglese, oggi terzo e sul podio con la sua Mercedes, autore di una gara incredibile. Alle spalle del duo Red Bull

GP Spagna 2022, George Russell taglia il traguardo in terza posizione e sale sul podio, insieme ai piloti della Red Bull, autori di una doppietta

Che gara e che weekend del GP Spagna per George Russell! Il giovane rampollo della Mercedes, alla sua sesta tappa come pilota ufficiale della Casa di Stoccarda, accanto al pluricampione del mondo, Lewis Hamilton, ha ben figurato sul difficile Circuit de Catalunya-Barcellona, tra temperature torride e raffiche di vento.

Mercedes all’inizio della stagione 2022, si è trovata a sorpresa di tutti in difficoltà, con una W13 complicata, e che mal digeriva l’effetto porpoising, a differenza delle vetture concorrenti, anche loro condizionate da questo problema. Per il weekend spagnolo, il team ha portato degli importanti aggiornamenti, con lo scopo di migliorare la situazione, tentare di eliminare l’effetto porpoising e rendere più semplice la vita dei piloti.

A quanto pare, questi upgrade funzionano! Le prestazioni delle W13, sono migliorate, per quanto è stato visto fin dalle prove libere del venerdì. George Russell, è sembrato quello che più si è adattato a queste novità, trovando il giusto feeling con la sua vettura, tant’è che sia in qualifica, sia in gara, ha fatto meglio rispetto a Lewis Hamilton.

George Russell sulla griglia di partenza, era in quarta posizione. Allo spegnimento dei semafori, riesce a scattare molto bene, e superare gli avversari e mettersi comodamente tra le prime quattro posizioni, complice anche le difficoltà avute da Carlos Sainz, pilota di casa, che partiva dalla terza posizione. Il pilota della Mercedes, è stato protagonista di una gara, nella quale ha saputo lottare, difendersi in maniera egregia, dagli attacchi degli avversari, in primis, i piloti della Red Bull, Max Verstappen e Sergio Perez. Quanta fatica per i due!!!

Alla fine però, George Russell si è dovuto arrendere alla supremazia della Red Bull e accontentarsi di un meritato terzo posto finale. Grandi festeggiamenti sul podio, vedendo una “forse” ritrovata Mercedes, e un giovane pilota, George Russell, che dopo le recenti stagioni, non proprio felici e poco soddisfacenti, trascorsi in casa Williams, ora sembra poter finalmente, mostrare il suo valore e talento.

George: “Gli ultimi giri, una corsa di sopravvivenza”

Mercedes è tornata? Difficile da dire, ma oggi ho fatto tutto quello che potevo. Max ha fatto un lavoro fantastico. Comunque contento di essere qui. Abbiamo lavorato sodo, e dobbiamo continuare così,” così le prime parole di George Russell, nel dopo gara, intervistato da Pedro De La Rosa.

A un certo punto durante la gara, George Russell nel team radio, si era lamentato con i suoi ingegneri, di un’anomalia con il surriscaldamento. A tal proposito: “In quel momento, stava succedendo un sacco di cose. Onestamente, ho cercato di tenere dietro le Red Bull, mi sono divertito in alcuni giri. Non sono riuscito nell’intento, ma sono contento del terzo posto. Sono tanti punti per noi in classifica. Davvero un gran lavoro oggi!”

Sugli ultimi giri, con il problema di surriscaldamento, avuto da Lewis Hamilton, motivo per cui ha dovuto rallentare: “Sono stati davvero difficili quegli ultimi giri. È stata una sorta di corsa di sopravvivenza. Sapevo di avere un vantaggio, ma alla fine sono contento di aver portato la macchina al traguardo, e in terza posizione. Grazie a tutti i fans, sono stati fantastici in tutto il weekend. Il supporto che abbiamo in questo momento in Formula 1, è incredibile. È fantastico poter farne parte”.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.