Formula 1Gran Premio Spagna

Sainz: “Faccio fatica anche con gli aggiornamenti”

Brutta domenica per la rossa, che vede prima Sainz perdere posizioni e poi Leclerc ritirarsi: lo spagnolo compie però una buona rimonta terminando quarto

Carlos Sainz ha avuto una gara travagliata, dalla partenza all’uscita di pista, e non nega di fare fatica nonostante gli aggiornamenti portati da Ferrari

Guardando la classifica finale si potrebbe pensare ad una gara comoda per la Ferrari numero 55, giunta quarta al traguardo. La verità è che Sainz ha dovuto in parte ricostruire il proprio Gran Premio. Partito male, il vento lo ha portato ad un testacoda in curva 4, che ha complicato ulteriormente la sua gara. Lo spagnolo è comunque riuscito a recuperare, ringraziando i problemi negli ultimi giri di Hamilton, e portarsi a ridosso del podio. Certo è da dire che la domenica della Ferrari sia stata tutt’altro che semplice, complice il ritiro per problemi di affidabilità del leader Charles Leclerc. Quest’ultimo, ai microfoni di Sky Sport, si è dimostrato rilassato e fiducioso negli aggiornamenti, mentre per Sainz questi non hanno risolto ancora i suoi problemi, dichiarando di fare ancora fatica.

Il pilota Madrileno è stato, come di consueto, intervistato al termine della gara da Mara Sangiorgio. Il primo quesito riguarda la partenza, non delle migliori, di Carlos, che la commenta: “Partenza difficile, penso di aver sbagliato un po’ la procedura. Da lì in poi ho cercato di recuperare ma un po’ di vento in curva quattro mi ha fatto andare in testacoda”. Continuando nell’analisi ha parlato dei danni provocati da quell’escursione alla sua vettura. Ho danneggiato tanto la macchina, soprattutto sul fondo e la macchina non era la stessa. C’era una mancanza di carico abbastanza grossa che non mi permetteva di spingere nelle curve veloci e da lì in poi ho provato a recuperare fino ad arrivare quarti, che non è quello che volevamo ma almeno è un recupero”.

Diverse vedute tra Leclerc e Sainz

Come già detto, nelle sue dichiarazioni Leclerc è riuscito a trovare il lato positivo, parlando di aggiornamenti e passo gara. Ma per Sainz le cose non stanno allo stesso modo: Per me è più complicato, è chiaro, si vede dall’esterno che sto faticando con la macchina, anche se gli aggiornamenti stanno funzionando bene, la macchina è veloce. È molto difficile da guidare per me, per il mio stile di guida non è quello che voglio, non è quello che avevo l’anno scorso che mi faceva andare fortissimo. Sto lavorando con i miei ingegneri e con tutta la squadra per vedere ancora il bicchiere mezzo pieno”.

La Ferrari è una grande squadra non solo per la sua storia, ma anche nel presente per l’affinità e il rispetto tra i propri piloti. Il team tutto insieme sta lottando per vincere entrambi i campionati e Carlos non nasconde il proprio rammarico per quanto accaduto al proprio compagno di squadra. “Peccato per Charles perché poteva vincere e allungare in campionato“, così lo spagnolo termina le proprie dichiarazioni.

Carlotta Ramaciotti

Da 20 anni appassionata di sport. L'amore per i motori nasce dal papà e cresce insieme alla mamma e a questo si lega la passione per la scrittura. Obiettivo: fare della mia passione il mio lavoro.

Un commento

  1. Spero che l’esterofilia della Ferrari finisca e che finalmente piloti validi come Giovinazzi possano avere la loro occasione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.