Formula 1Gran Premio Singapore

GP Singapore, Red Bull: “Perso un sacco di tempo”

Le dichiarazioni di Verstappen e Perez da Marina Bay, al termine della prima giornata dedicata alle due sessioni di prove libere

Giunge al termine il venerdì di prove libere del GP Singapore, per la Red Bull e i piloti Max Verstappen e Sergio Perez

Al via il weekend del GP Singapore per la Red Bull e per Max Verstappen a caccia del primo match point, che lo porterebbe a vincere il titolo iridato, il secondo consecutivo. Una giornata iniziata tuttavia con la notizia di un’indagine da parte della FIA, per una sospetta violazione del budget cap da parte del team Red Bull.

La prima sessione di prove libere, vede Sergio Perez chiudere in quarta posizione. Il messicano non ha avuto vita facile durante la sessione, con tanto di problema tecnico segnalato sulla sua Red Bull. Situazione opposta per Max Verstappen, che si dimostra molto veloce, riuscendo a sfruttare al meglio le gomme medie e le soft. Ciò nonostante, è stato Lewis Hamilton a dimostrare di essere ancora più veloce, rifilando 84 millesimi a Verstappen. L’olandese chiude in seconda posizione, alle spalle del pilota inglese della Mercedes e davanti a Charles Leclerc su Ferrari.

Si riparte con la seconda sessione di prove libere, con il lavoro che si è incentrato sia sulla simulazione da qualifica, che sul passo gara, utilizzando sia le gomme gialle che le bianche. Tanto lavoro per il box della Red Bull per sistemare il set-up. Finalmente in pista, e a poco più di mezz’ora dal termine della sessione, Max Verstappen ha tentato un primo giro cronometrato con le hard. Successivamente è toccato a Sergio Perez con le soft.

In questa fase, è emersa una Mercedes e una Ferrari veloci e a loro agio, soprattutto con le morbide. Max Verstappen conclude in quarta posizione. Miglior tempo per la Ferrari, con Carlos Sainz davanti a Charles Leclerc. Più indietro in classifica, Sergio Perez che ottiene la nona posizione.

Verstappen: “Domani conterà di più”

“Penso che sia andata molto bene in FP1, poi in FP2 abbiamo voluto provare alcune cose, ma ci sono voluti un bel po’ di tempo nel fare la modifica. Poi, volevamo provare qualcos’altro, e anche per questo ci è voluto tanto tempo per la modifica,” ha così esordito Max Verstappen che oggi compie 25 anni, al termine delle due sessioni di prove libere del GP Singapore.

Non abbiamo potuto girare molto, perciò non è stato molto indicativo su ciò che possiamo fare. Sicuramente, c’è ancora molta finestra per migliorare, perciò abbiamo bisogno di analizzare le modifiche per vedere quali hanno funzionato e quali no. Penso che domani, conterà di più e quanto velocità potremmo avere nel giro secco,” ha così concluso Verstappen.

Perez: “Mercedes e Ferrari forti…vedremo in qualifica”

“Abbiamo perso un sacco di tempo in pista durante le FP2, e abbiamo avuto qualche problema con l’affidabilità del motore. Abbiamo fatto qualche modifica del set-up. Perciò, abbiamo raccolto un sacco di informazioni, da analizzare questa notte e cercheremo di tirar fuori il massimo per domani, e tentare di fare del nostro meglio,” ha così esordito Sergio Perez, nel post sessioni di prove libere sul sito della Red Bull.

“Mi sono sentito molto a mio agio in FP1 ed ero anche il più veloce durante la sessione. Perciò, penso che ci sarà qualche dato importante per noi da guardare, a quel proposito. Sappiamo che Mercedes e Ferrari, sono state entrambe forti e vedremo cosa saremo capaci di fare domani in qualifica. Sembra essere interessante,” ha poi concluso il messicano.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio