Formula 1Gran Premio Singapore

GP Singapore, FP1: gap pesanti tra compagni di squadra dei top team

Ecco come è andata la prima sessione di prove libere del Gran Premio di Singapore 2022

Ecco finalmente il primo appuntamento notturno della stagione con il GP di Singapore

Dopo tre anni di assenza causa covid ecco che ritorna l’appuntamento notturno a Singapore. Si tratta un circuito con pochi rettilinei e spazi stretti. Conseguentemente, il carico aerodinamico sarà elevato nel tentativo di aumentare la tenuta di strada nelle curve.  Partire in pole position sarà quindi fondamentale.  Inoltre, le FP1 svolgono un ruolo essenziale per i piloti che quindi prendono confidenza con il tracciato.

Qui la Mercedes ricerca una chance di rivalsa: chiudere cioè il campionato con almeno una vittoria che renderebbe meno amaro il mondiale. La Ferrari mira al primo gradino del podio sfruttando anche il fatto che Marina Bay è una delle ultime piste in calendario che possa esaltare le caratteristiche della rossa. Dall’altro lato c’è la Red Bull che ha dimostrato, almeno in questa seconda fase del campionato, di andare forte su ogni tipo di pista o condizione climatica. Pertanto, è impossibile non considerare Max ancora una volta il grande favorito, anche perché questo weekend potrebbe essere decisivo per ottenere il secondo titolo Piloti della carriera.

Nel vivo delle libere: problemi per Leclerc, bandiera rossa causa Stroll

Molti colpi di scena già dalle FP1. Dopo un solo giro, Leclerc, che montava le hard, rientra ai box e scende dalla vettura. Il monegasco rischiava di perdere buona parte delle FP1 a causa di un problema all’impianto frenante. Ciononostante, risolto il problema, si rimette in gioco tentando il tutto per tutto anche con gomme morbide usate, ma non riesce a migliorarsi per 5 decimi e conclude in terza posizione.

Altro colpo di scena è quello di Lance Stroll che colpisce violentemente il muro con la posteriore sinistra in uscita da curva 5 e rompe la sospensione e parcheggia la sua Aston Martin a bordo pista. Questo determina una breve interruzione della sessione. FP1 non ottimale per Sainz che aveva rischiato di perdere la vettura in uscita dalla curva 4. Lo spagnolo conclude in sesta posizione.

Perez chiude in quarta posizione schiacciato dalla superiorità del compagno di squadra, a parità di condizioni. Inoltre, il messicano è dovuto rientrare ai box dopo aver segnalato un problema tecnico sulla sua Red Bull. Verstappen si scatena ai primi giri della sessione sfruttando al meglio le gomme sia medie che soft. Tuttavia,  viene sorprendentemente battuto dal sette volte campione del mondo Lewis Hamilton che fa il miglior tempo assoluto in 1’43″033! Rifilati 84 millesimi a Verstappen e 402 millesimi a Leclerc a parità di mescola. Russell finisce quinto alle spalle di Perez. Ocon, che in una prima fase aveva scavalcato le Mercedes, finisce settimo seguito da Stroll, Gasly, Alonso e Vettel.

Segnali contrastanti in questa FP1, perché ci sono delle differenze prestazionali davvero importanti tra i vari compagni di squadra dei tre top team. Hamilton, Verstappen e Leclerc hanno rifilato dei gap pesanti ai rispettivi teammate, in attesa di una simulazione di qualifica più veritiera in FP2 con l’illuminazione artificiale.

Classifica prove libere 1 del GP di Singapore

 

Federica Incatasciato

Siciliana, classe '97, a Torino. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica. Sono perfezionista fino al midollo e super scaramantica, cerco di sfruttare sempre il mio tempo in maniera proficua per imparare più cose possibili. Mi piace leggere e scrivere di politica, storia, letteratura e Formula 1. Fin dal liceo ho coltivato la mia passione per le auto da corsa e in particolare per la Formula 1. Essendo un'ingegnere, della Formula 1 mi affascina molto tutto il lavoro che c'è dietro a quelle monoposto, frutto di studio, strategia e collaborazione all'interno del team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio