Formula 1Gran Premio Canada

GP Canada, Leclerc: “Una posizione è meglio di niente”

Charles abbandona dopo il Q1. Meglio non rischiare eventuali danni pre gara

Charles Leclerc rimonta di una posizione dal fondo senza correre rischi

Un piccolo passo in avanti per il numero 16 di casa Ferrari, che nelle qualifiche del GP del Canada (nona tappa del campionato 2022) è riuscito con facilità ad ottenere un ottimo tempo nelle qualifiche. Il monegasco dovrà infatti partire dal fondo oggi a causa dei nuovi componenti installati sulla sua F1-75, dopo il dramma intercorso nella gara di domenica scorsa a Baku. Charles ha recuperato una posizione, per cui partirà oggi diciannovesimo mentre sarà Yuki Tsunoda a chiudere la griglia di partenza. Anche Yuki ha dovuto cambiare molti componenti ed è stato quindi penalizzato come Leclerc che lo ha però battuto in qualifica. Dopo il Q1, Leclerc ha deciso di ritirarsi. Inutile per lui continuare vista la penalità anche se si ipotizzava una strategia del muretto Ferrari volta a dare scia a Sainz in Q3 ma a causa delle condizioni di pista bagnata, era un rischio troppo alto soprattutto considerando che la monoposto di Charles è praticamente nuova di zecca.

L’obiettivo è ancora vincere il campionato

“Chiudere davanti a Yuki ci ha fatto guadagnare una posizione per domani. Una posizione non è molto ma è quello che possiamo prendere. Era buono anche fare qualche giro ma senza prendere rischi. Tutto è andato bene ed ora pensiamo a domani” ha affermato Charles post Q1. “Il feeling era buono, questo è positivo. La pioggia non sembra più un problema per noi ha continuato.

“Ovviamente i punti del campionato sono importanti, non sarà una gara facile soprattutto per i sorpassi ma proveremo a massimizzare domani. Io darò tutto come sempre” ha poi concluso Charles prima di ritirarsi nel muretto Ferrari per seguire con gli ingegneri del Cavallino la gara del compagno Carlos Sainz che ha poi concluso le qualifiche strappando la terza posizione, superato dall’incredibile prestazione di Fernando Alonso.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.