DichiarazioniGran Premio Belgio

GP Belgio, piloti Ferrari: “Sorprendente questa mancanza di ritmo”

Non pervenuta la SF1000 nella foresta delle Ardenne, con Leclerc e Vettel (quasi) condannati a recitare il ruolo di fanalini di coda. Assieme alle Williams e dietro alle Alfa Romeo…

Venerdì nero per la casa di Maranello, che archivia le FP2 col 15° e 17° crono

A Charles Leclerc il tempo di 1’45″440, a Sebastian Vettel 1’45″683: in ambedue i casi, parliamo di un gap da Max Verstappen, leader del turno pomeridiano, ben superiore al secondo e mezzo (più nello specifico: +1″696 per il monegasco, +1″939 per il tedesco). La disfatta arriva proprio sul tracciato che lo scorso anno consacrò Leclerc e la SF90 come regina delle piste veloci. Quest’anno, invece, i mali della SF1000 sono emersi impietosamente: con l’assetto scarico, necessario su una pista fatta di rettilinei che sembrano autostrade, la vettura ha perso maneggevolezza pure nel misto. E infatti è nel secondo settore, quello nel quale Charles si augurava di mettere una pezza, che si annida il grosso delle lacune.

“Siamo sorpresi da una simile performance – ha ammesso un perplesso Leclerc – e dire che abbiamo fatto prove con assetti diversi. Inizialmente, abbiamo trovato una soluzione aggressiva in termini di downforce, ma non ha funzionato e siamo tornati sui nostri passi. Ci manca il ritmo, e non mi aspetto certo miracoli per domani. È un peccato vedere la Ferrari così indietro, ma io e Seb ce la metteremo tutta per limitare i danni”. Nemmeno la pioggia, prevista per domani, sembra rasserenare gli animi: “Non sarà un’alleata – si è difeso Leclerc – anzi, acuirà i nostri punti deboli. Normalmente, se hai poco feeling sull’asciutto, il bagnato non fa che peggiorarlo. I nostri problemi sono racchiusi nel bilanciamento e la pioggia li può solo esasperare”.

SPERDUTI TRA LE ARDENNE

Non pervenuto anche Vettel, solo 17° a due decimi dal compagno e dietro pure alla Williams di George Russell. Fa specie la vicinanza di prestazioni tra la scuderia che dominò su questo tracciato 12 mesi fa e quella che era costantemente ultima… “È lampante che non siamo dove dovremmo – ha lamentato Vettel – La vedo abbastanza nera. Nel pomeriggio ci siamo focalizzati su tante prove differenziate di assetto, ma i risultati non sono arrivati: guidare questa macchina rimane una sfida”. Meno pessimista il suo punto di vista sull’arrivo della pioggia in ottica qualifiche: “Sono certo che miglioreremo domani. Sarà da tenere d’occhio il meteo, ma di sicuro daremo il massimo”

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.