Formula 1Gran Premio Belgio

GP Belgio, anteprima: circuito, meteo

Tutto è pronto per la 13° prova della stagione 2023 a Spa-Francorchamps. Nell’attesa vediamo la scelta Pirelli e le previsioni meteo

GP Belgio, round 13. Ultima tappa prima delle vacanze estive

GP Belgio, anteprima. Si va in Belgio e a Spa-Francorchamps, per il Gran Premio, l’ultimo prima della pausa estiva della Formula 1.

Il GP Belgio chiude una doppietta di gare, su piste pressoché storiche, come l’Hungaroring e Spa-Francorchamps.

In quest’ultima, c’è grande attesa per il pilota di casa, Max Verstappen. Il Campione del Mondo 2021 e 2022, ha doppio passaporto essendo nato ad Hasselt in Belgio, e vive in Olanda con la famiglia. In Formula 1 corre con la licenza olandese.

Per Max Verstappen, la stagione 2023 è iniziata da dominatore assoluto, avendo vinto pressoché tutte le gare finora svolte. L’ultima proprio al GP Ungheria, raggiungendo un nuovo record per la Red Bull, con le 12 vittorie consecutive in Formula 1.

Super Max, sta mostrando una forma e maturità sempre più invidiabile, nell’affrontare le gare, e le varie sfide. Sicuramente, ciò è dovuto anche da una monoposto formidabile, molto competitiva e veloce.

La sua cavalcata verso il titolo 2023, sembra oramai diretta nelle mani del giovane pilota, che intanto si prepara ad affrontare questa gara di casa, di fronte ai suoi tifosi. Sicuramente non mancherà la grande marea ‘Orange’ proveniente dalla vicina Olanda, e qualche belga.

La Scuderia Ferrari, dopo i disastrosi ultimi due Gran Premi, tra errori, e prestazioni non ottimali, a Spa è chiamata a riscattare e ottenere un risultato migliore. Almeno prima della pausa estiva. Anche Charles Leclerc e Carlos Sainz, sperano di poter recuperare il più possibile, ed essere più in lotta per le prime posizioni.

Queste ultime gare, si è vista una ripresa della Mercedes, anche se non ancora al top. Dopo un lungo digiuno, Lewis Hamilton in Ungheria ha potuto riassaporare la gioia di conquistare la pole position. George Russell più in difficoltà, tuttavia entrambi sperano di avere più fortuna nella prossima tappa.

Attenzione alla McLaren, reduce da ottimi risultati nelle ultime tre gare, con tanto di podi conquistati da Lando Norris, a Silverstone e a Budapest. L’inglese è stato autore anche della pole position nella gara di casa. Gli aggiornamenti portati sulle vetture, stanno dimostrando di funzionare molto bene. Vedremo se anche a Spa-Francorchamps, quanto visto finora verrà confermato.

Nel weekend, si terrà la Sprint Race, con il nuovo format, già sperimentato in altre gare, da inizio stagione.


Fin dal suo esordio in Formula 1, il GP Belgio ha sempre regalato numerose sorprese e colpi di scena. Le caratteristiche uniche della pista, dove è il pilota a fare la differenza permettono situazioni interessanti. Spesso è anche il meteo, il più delle volte imprevedibile a condizionare la gara.

CIRCUIT DE SPA-FRANCORCHAMPS

Il circuito di Spa-Francorchamps, sorge nella località di Francorchamps a ridosso delle Ardenne in Belgio. Il tracciato fu costruito nei primi anni ’20, unendo le strade che collegavano i paesi di Stavelot, Francorchamps e Malmedy. Originariamente la pista era lunga 14,9 chilometri, diventando una delle più spettacolari del mondo per le emozioni e l’adrenalina che trasmetteva.

GP Belgio, anteprima: circuito, meteo
© Red Bull Press Area

Nel 1924, ospitò la prima corsa automobilistica per poi subire varie modifiche nel corso degli anni, per rallentare le vetture. Ospitò la Formula 1 fino al 1970, con il giro record segnato da Chris Amon con una velocità media di circa 245 km/h. Nel 1979, ci furono ulteriori lavori, che crearono il tracciato attuale, lungo circa 7 chilometri.

La Formula 1 tornò a Spa nel 1983, ritrovando lo stesso fascino e una pista modificata. Spa è considerato il più lungo circuito del campionato e anche tra i più tecnici con la pioggia spesso qui protagonista, talvolta intensa in un tratto ed asciutta in un’altra parte. Una pista old-school caratterizzata da continui dislivelli e altre variabili, che la rendono molto amata dai piloti e dagli appassionati del motorsport, oltreché per il suo fascino e l’adrenalina che si percepisce. È molto molto impegnativa per i motori e i circa 55 cambi di marcia sul giro che i piloti dovranno fare, con una media oraria di circa 227 km/h.

GP Belgio, anteprima: circuito, meteo
© Pirelli Press Area

È una pista molto impegnativa anche per i freni. La prima difficile frenata è al tornante La Source, dove le monoposto arrivano decelerando di oltre 200 km/h, passando da circa 285 a 80 km/h. La curva, può contare di un’ampia via di fuga che permette di impostare diverse traiettorie, per poi immettersi in uno dei tratti più iconici del tracciato, cioè l’Eau Rouge-Raidillon, una curva a esse in salita che conduce sul lungo rettilineo del Kemmel, dove in passato ci sono stati molti spettacolari sorpassi. Dopodiché si entra nella esse Les Combes, con una delle frenate più toste del tracciate. Da qui si va in discesa verso il tornante Bruxelles e poi a Pouhon, una curva veloce a sinistra che sottopone i piloti a sollecitazioni molto elevate. Altra importante frenata, alla Stavelot, per poi dirigersi alla Blanchimont e alla chicane Bus Stop che immette sul traguardo.

È composta da 19 curve, di cui 9 a destra e 10 a sinistra e lo si percorre in senso orario.

DRS

Come di consueto, la FIA, ha reso nota le zone dove sarà possibile attivare e sfruttare il sistema DRS. Saranno ben due le zone DRS sul circuito belga.

  1. la prima, sul rettilineo principale;
  2. la seconda, nel rettilineo del Kemmel, che dal Radillon porta a Les Combes.

I punti di attivazione, saranno piazzati prima della Bus Stop e prima dell’Eau Rouge.

PIRELLI: C2, C3, C4

Per il weekend del GP Belgio 2023, Pirelli ha nominato le tre mescole centrali della gamma: C2 P Zero White hard, C3 P Zero Yellow medium e C4 P Zero Red soft.

Il circuito di Spa-Francorchamps è caratterizzato da dislivelli e carico estremo ai quali i pneumatici sono sottoposti, soprattutto all’Eau Rouge e Raidillon. In quel punto, i piloti a loro volta subiscono variazioni di forza G in pochissimo tempo. Anche l’asfalto tende a essere aggressivo sulle gomme.

Negli ultimi anni, la pista ha subito dei lavori di modifica, con un nuovo asfalto messo tra la curva 2 e la 4, tra la curva 8 e 9. Lavori che si sono concentrati a migliorare laddove vi erano delle irregolarità, che rendevano difficili il grip.

Il GP del Belgio, a differenza degli scorsi anni, è stato spostato in piena estate, visto che solitamente tra fine agosto e settembre, il paese è colpito da maltempo e temporali anche intensi. Situazione meteorologica, che spesso ha condizionato lo svolgimento del weekend di gara della Formula 1. Vedremo, come andrà con questa nuova collocazione.

Tuttavia, in Belgio il meteo è piuttosto imprevedibile. Data la lunghezza della pista, possono capitare settori in cui piove, e in altri no, con rischio di aquaplaning laddove l’acqua drena meno. Quindi grande attenzione alle previsioni, onde evitare sorprese, e da parte degli ingegneri di pista e piloti, per cercare il giusto set-up sulla vettura, e la migliore strategia per la gara.

Altro fattore da considerare, è la possibile entrata in pista della Safety Car.

Qui di seguito in anteprima, la scelta delle gomme Pirelli per il weekend a Spa-Francorchamps.

CHE TEMPO FARA’?

Come di consueto, siamo andati a controllare le previsioni meteo per il GP Belgio 2023. Attenzione alla pioggia, come riporta l’ultimo bollettino meteo. Maltempo previsto a partire dalla giornata di giovedì 27 luglio, e per l’intero weekend. Domenica, la gara dovrebbe svolgersi con tempo sereno, malgrado la presenza di nuvole e di qualche scroscio di pioggia.

Per tutti e tre le giornate, consigliamo di tenere monitorate le previsioni meteo, onde evitare spiacevoli inconvenienti, e per preparare al meglio le vetture e strategie, per la Sprint Race e la gara.

Temperature non roventi, come abbiamo visto a Budapest, attese intorno ai 20°C.

Andiamo a vedere nel dettaglio le previsioni meteo, per il GP Belgio 2023:

Venerdì 28 luglio 2023

Temperature: max 23,1°C, min 16,4°C; cielo nuvoloso. Possibilità di pioggia debole, pioviggine tra le 12.00 e le 15.00. Umidità al 82%. Vento atteso sui 17 km/h.

Sabato 29 luglio 2023

Temperature: max 22°C, min 16°C; cielo nuvoloso fin dal mattino. Pioviggine e pioggia debole e schiarite, dalle prime ore della mattina fino alle 15.00. Umidità al 74%. Vento atteso sui 19 km/h

Domenica 30 luglio 2023

Temperature: max 20°C, min 13°C; cielo con nubi sparse. Probabilità di pioggia debole e schiarite a metà mattina, e pomeriggio. Umidità al 66%. Attenzione al vento, con raffiche attese tra 22 e 31 km/h

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio