Formula 1Gran Premio Bahrain

GP Bahrain, McLaren: confermati i sentimenti della vigilia

I vertici della scuderia inglese si sono mostrati subito insoddisfatti dello sviluppo della MCL60

La prima gara dell’anno non ha portato quello che ci si aspettava in casa McLaren. Sentimenti contrastanti nel team di Woking dopo le qualifiche del GP del Bahrain

Se Norris ha chiuso la sua sessione in undicesima posizione, non è andata meglio a Piastri che non è riuscito ad andare oltre la diciottesima posizione. Già dopo la sessione di test invernali, la McLaren sapeva benissimo di iniziare la stagione non all’altezza delle aspettative.
I vertici della scuderia inglese si sono mostrati subito insoddisfatti dello sviluppo della MCL60 e i primi dati raccolti a Sakhir hanno confermato i sentimenti della vigilia.

Servivano due decimi in più a Norris

Anche se l’undicesimo e il diciottesimo posto ottenuto nelle qualifiche del GP del Bahrain non rispecchiano le aspettative della McLaren, Norris è riuscito a fare leggermente meglio di quanto ci si era prefissati nel quartier generale di Woking.

Tenendo conto che siamo solo alla prima qualifica del 2023, non mi lamento della mia undicesima posizione – ha raccontato il pilota inglese incontrando la stampa – Forse avrei potuto migliorarmi ancora di un decimo ma sono sicuro di aver tirato fuori davvero il massimo dalla nostra monoposto. Non sarebbe cambiato così tanto visto che per guadagnare un’altra posizione avrei dovuto migliorarmi di almeno due decimi“.

Debutto sottotono per Piastri

A differenza del pilota inglese, non c’era alcuna pressione su Oscar Piastri. Il debuttante che ha preso il posto di Ricciardo in McLaren si è comunque sia mostrato deluso della sua prestazione a Sakhir. Secondo l’australiano, alla base della sua mancata entrata in Q2, oltre agli errori commessi ci sarebbe anche la bandiera rossa sventolata per rimuovere dalla pista i detriti persi dalla Ferrari di Leclerc.

Anche se la bandiera rossa non ci ha aiutato non ci sono scusanti, ho commesso troppi errori nella Q1 ma sono sicuro che domani saremo in grado di recuperare qualche posizione – ha spiegato a caldo Piastri – La velocità in rettilineo non è sicuramente il nostro punto di forza ma in gara potremmo vedere a che punto siamo davvero rispetto ai nostri avversari. Il GP del Bahrain rappresenterà la mia prima gara di Formula 1 e voglio godermela al massimo. Mi dispiace solo che in qualifica non sia andata come ci si aspettava ma sono sicuro che in gara abbiamo le carte in regola per recuperare terreno.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio