DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

GP Austria, Hamilton: “L’unità il nostro punto di forza”

Il sei volte campione del mondo ha ottenuto il secondo tempo dietro al proprio compagno di team durante la qualifica austriaca

GP d’Austria, Lewis Hamilton perde una pole position che sembrava sua, ma ringrazia il team per il lavoro svolto negli ultimi anni

Lewis Hamilton per soli 12 millesimi deve cedere la pole position del GP d’Austria a Valtteri Bottas. Il pilota Mercedes sembrava il grande favorito alla conquista della prima partenza al palo della stagione, ma il finlandese ha estratto il coniglio dal cilindro proprio durante la sessione ufficiale. L’anglo-caraibico è stato anche messo sotto investigazione per track limits e per aver ignorato le bandiere gialle.

Il Valtteri Bottas che non ti aspetti sottrae a Hamilton una pole position che sembrava ormai scontata. Domani Hamilton proverà a rimediare in partenza, ma la battaglia si aspetta serrata. Il discorso potrebbe cambiare se l’anglo-caraibico verrà penalizzato. Il fatto incriminato è la bandiera gialla causata proprio dal compagno di squadra durante l’ultimo tentativo del Q3.

Valtteri ha fatto un gran lavoro oggi ed è stato un grande inizio di stagione per l’intero team” – ha dichiarato Hamilton nel post qualifica. “Nel mio giro della Q3 ho trovato un grosso sbuffo di polvere all’uscita di curva 4. Non sapevo dove fosse la vettura che era uscita di pista. Quando ho potuto vedere che Valtteri stava rientrando in pista fortunatamente questo non ha compromesso il mio giro.”

PAROLE AL MIELE VERSO IL TEAM

“Lui ha mantenuto la sua posizione e io lo stesso. Questo team mostra anno dopo anno di cosa è capace. Continuiamo a settare sempre nuovi standard. Penso che sia perché siamo di mente aperta, siamo al passo con i tempi. Impariamo sempre da noi stessi e siamo sempre a spingere i limiti più in là.”

“Siamo un team unito, dove non ci sono particolari aspetti politici all’interno di questo gruppo, spingiamo tutti nella stessa direzione. Penso questo sia perché siamo ritornati forti quest’anno. Ora abbiamo bisogno di dimostrare lo stesso domani durante la gara.”

Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button