DichiarazioniFormula 1Formula E

Formula E: sospeso il campionato 2020

A causa dell’attuale crisi sanitaria, la Formula E ha annunciato lo stop della stagione, mentre la Formula 1 cerca di riorganizzare il calendario

La diffusione del Coronavirus a livello mondiale allarma sempre di più, per questo motivo è stato deciso di sospendere il campionato di Formula E e di cancellare il GP d’Australia di Formula 1.

L’11 marzo l’Organizzazione mondiale della sanità ha ufficialmente riconosciuto COVID-19 come pandemia. A seguito della notizia, la FIA a la Formula E, in accordo con le autorità locali competenti, hanno deciso di fermare il campionato 2020 per garantire il benessere e la salute dello staff e degli spettatori.

Il presidente e fondatore della Formula E, Alejandro Agag, ha così commentato: “In questo momento è necessario intraprendere azioni responsabili ed è per questo che abbiamo deciso di sospendere temporaneamente la stagione e andare avanti con l’introduzione di misure per congelare le gare che si terranno nei prossimi due mesi”.
“Il Motorsport svolge un ruolo importante nella nostra vita ed è importante, ma ciò che è più importante è la salute e la sicurezza del nostro personale, dei fan e delle loro famiglie, nonché dei cittadini nelle città in cui corriamo”, ha poi aggiunto.

LA RIPROGRAMMAZIONE DEL CAMPIONATO

Lo stop della stagione dovrebbe riguardare un periodo momentaneo di due mesi. Una volta terminata la crisi sanitaria e la diffusione del Coronavirus, come promesso da Agag, il campionato tornerà in pieno vigore. Lavorando in collaborazione con la FIA e le autorità locali in ciascuna sede dell’evento, la Formula E seguirà da vicino la situazione e valuterà la possibilità di organizzare e riprogrammare le gare.

Gli organizzatori stanno implementando un sistema di bandiera usato spesso nel Motorsport per determinare le finestre temporali in cui le gare potrebbero essere corse. Il colore rosso rappresenta l’impossibilità di ospitare il GP, il giallo l’eventuale possibilità di correre e il verde il via libera a proseguire come previsto.
Per il momento, i mesi contrassegnati con le bandiere rosse sono marzo e aprile; maggio, invece, con la bandiera gialla e infine giugno e luglio con quella verde.

LA FORMULA 1 SI FERMA?

Il GP d’Australia è stato ufficialmente cancellato a seguito dei timori legati alla diffusione del Coronavirus e alla positività di un meccanico della McLaren. Questa situazione ha indotto il team di Woking a rinunciare alla gara. Le dichiarazioni sei piloti “senior” come Hamilton, Vettel e Raikkonen hanno avuto un peso importante sulla cancellazione dell’evento, decisa solo a poche ore dall’inizio delle FP1.

Dopo la cancellazione della prima tappa del mondiale, ci si chiede quando torneremo a veder correre le macchine. Sembrerebbe che Liberty Media e la FIA stiano pensando di sospendere il mondiale fino al 29 di marzo. Secondo delle indiscrezioni, infatti, il mondiale 2020 potrebbe iniziare da Buku, mentre i GP annullati si terrebbero durante la pausa estiva. Si pensa addirittura di estendere il campianto durante la stagione 2021, se necessario. In questo caso, le monoposto di Formula 1 di nuova generazione potrebbero essere posticipate al 2022, aiutando così i team.  Infatti, la nuova organizzazione della stagione 2020 potrebbe causare forti ritardi sulla progettazione e produzione delle prossime vetture.

Pubblicità

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button