Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita, FP2: Hamilton detta il passo

Si chiudono le seconde libere a Jeddah con il miglior tempo fatto segnare da Hamilton. Dietro a lui il compagno Bottas e un favoloso Gasly

Primeggia Hamilton nelle FP2 del GP dell’Arabia Saudita. Seguono Bottas e Gasly in seconda e terza posizione

Seconda sessione di prove libere nel venerdì del GP di Arabia Saudita su una pista inedita come quella di Jeddah. A far segnare il miglior crono delle FP2 è Lewis Hamilton, che conferma le buone impressioni delle prove del primo pomeriggio. La classifica continua con Bottas al secondo posto e Gasly, terzo più veloce, che già nelle FP1 aveva mostrato ottime prestazioni.

La free practice si apre con la maggioranza dei piloti su gomma gialla. Detta il passo Verstappen, con Leclerc secondo a 76 millesimi e a parità di mescola. Subito dietro vi è l’altro contendente al titolo mondiale, Hamilton, distante poco più di un decimo dal leader della classifica, il quale poco dopo si migliora, scendendo sotto il minuto e trenta. Buonissimi anche i tempi di Alonso e Sainz, i quali spodestano dalla terza posizione il sette volte campione del mondo. L’Alpine si conferma in ottima forma anche con Ocon, che fa registrare il sesto tempo.

Al quarto d’ora iniziano a migliorare i tempi, con Tsunoda che si porta alle spalle di Verstappen, superato in classifica da Bottas. Ben presto il miglior tempo del finlandese viene abbassato di 61 millesimi da parte del compagno di squadra, ma ancora non si scende sotto l’1’29”. Seguono in sesta e settima posizione le due rosse. Dopo di loro Perez, Ricciardo e le due Alpine. Un po’ in ombra Norris, che non riesce a trovare un buon crono nonostante gli pneumatici rossi. Si rivelano infatti migliori le mescole più dure.

PROVE DI QUALIFICA E SIMULAZIONE PASSO GARA

Verso la metà della sessione iniziano le simulazioni di qualifica con pneumatici morbidi. Comincia Gasly, che però non riesce ad andare oltre il dodicesimo posto. Per diversi minuti nessuno si migliora con le mescole più soft. Grossi problemi anche a causa del traffico. Solo Leclerc sale dalla sesta alla quinta posizione, che ben presto torna ad essere sesta grazie al tempo fatto segnare da Alonso, che lo porta in quarta piazza.

Gasly ci riprova fino a migliorarsi, ottenendo l’ottavo miglior crono, e firmando il terzo tempo al tentativo seguente, confermando le prestazioni delle FP1. Con il passare dei minuti diversi piloti limano i propri tempi, come Perez che si porta in ottava posizione, superando in classifica le Ferrari, per poi essere contro-sorpassato da Sainz, settimo. Le prime due posizioni restano cristallizzate, Hamilton primo seguito da Bottas.

Gli ultimi venti minuti vengono invece dedicati alle simulazioni di passo gara. Si confermano ottimi i tempi della Mercedes, così come quelli di Ferrari, meno bene Verstappen, che fatica a trovare il ritmo. Si conclude in anticipo la sessione a causa della bandiera rossa imposta a seguito dell’impatto della monoposto di Charles Leclerc contro le barriere.

LA CLASSIFICA

 

Carlotta Ramaciotti

Sono solo una ragazza italiana, qui per condividere il proprio amore per il motorsport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.