2018Formula 1

Formula 1 | Stefano Domenicali crede nel ritorno di Alonso in Ferrari: “Perché no? Sarebbe una storia fantastica”

Stefano Domenicali ha parlato di Fernando Alonso, sostenendo che in futuro lo spagnolo tornerà in Formula 1 e magari in Ferrari

Uno degli argomenti più caldi di quest’ultimo periodo riguarda Fernando Alonso, che a fine stagione ha chiuso la sua carriera in Formula 1 per godersi un anno sabbatico, relax e lanciarsi in nuove sfide sempre nel motorsport.

Secondo Stefano Domenicali, ex direttore della Gestione Sportiva della Ferrari (ruolo che ha ricoperto dal 2008 al 2014), Fernando Alonso potrebbe presto tornare in Formula 1 e forse persino con un nuovo ruolo a Maranello.

Fernando Alonso è stato pilota della Ferrari dal 2010 al 2014 per poi decidere di passare in McLaren nel 2015, ma le deludenti ultime stagioni hanno portato il 37enne a decidere di uscire dalla Formula 1 per dedicarsi a nuove sfide nel motorsport, come il WEC e la 500 Miglia di Indianapolis.

Domenicali, che ora ricopre il ruolo di presidente e amministratore delegato della Lamborghini, crede che Alonso non abbia definitivamente chiuso con la Formula 1, anzi potrebbe presto tornare ed addirittura con la Ferrari, magari nel 2020 dopo l’anno sabbatico.

Sarebbe una storia fantastica, ma qualcosa che non dovrebbe essere forzato. Se nel futuro dovesse prendere quella decisione, perché no? Ovviamente tutto dipende da Fernando, se tornerà o meno, e da tutte le persone coinvolte, a cui io lascio tale decisione”, le parole di Domenicali rilasciate ad Auto Bild.

La decisione di Alonso di lasciare la Formula 1 ha portato molti addetti ai lavori a pensare che l’asturiano sia arrivato a tale passo dopo aver percepito di non essere più il benvenuto nei vari top team, che lo hanno etichettato come polemico e difficile da gestire. Insomma, uno che destabilizza l’equilibrio all’interno di un team. Ma Domenicali, che ha avuto modo di conoscere direttamente Fernando proprio negli anni in cui entrambi erano in Ferrari, ha respinto tali illazioni.

“Ad essere onesto, quando lavori con questi tipi di personalità, che portano con sé molto talento, non puoi dire se sia difficile o meno. L’unica cosa che posso dire è che Alonso era molto forte, motivato e voleva ottenere molto  ha commentato l’ex team principal della Ferrari a tal proposito.

Lo stesso Alonso ha dichiarato che tenterà di tornare in Formula 1 nel prossimo futuro, purché riesca a trovare un team che gli consenta di vincere. Dopo quanto visto negli ultimi anni e soprattutto quest’anno, Ferrari sembra possedere tutti i requisiti, ma anche la McLaren, se dovesse riuscire a portare una monoposto competitiva e avere di nuovo la fiducia da parte del bi-campione dopo le ultime deludenti stagioni.

So che loro torneranno più forti e in forma nel futuro. In tal caso, sarebbe il momento giusto per me per tornare in Formula 1. Ciò mi renderebbe molto felice” aveva detto Fernando Alonso, parlando della Mclaren nelle scorse settimane.

Nel frattempo, l’obiettivo di Fernando Alonso è vincere la prossima Indy 500, per ottenere la Tripla Corona ed eguagliare Graham Hill, al momento l’unico pilota della Storia ad esserci riuscito.

Dopo aver vinto il GP di Monaco nel 2006 e 2007 ed aver ottenuto la vittoria alla 24 Ore di Le Mans di quest’anno, Fernando è ad un solo passo dall’ottenere quest’agognato riconoscimento, in quanto gli manca solo la vittoria ad Indianapolis. Una vittoria che ha sfiorato nel 2017, quando a 21 giri dalla fine il motore della sua monoposto andò in fumo, portandolo a ritirarsi mentre era nel gruppo dei primi.

Topics
Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close