Curiosità dalla F1

Formula 1, l’Halo della Red Bull ha il parabrezza

Nonostante la volontà della Federazione Internazionale, sempre più portata a sostenere la soluzione proposta dalla Mercedes, la Red Bull non ci sta e ad aprile presenterà alla FIA una soluzione alternativa all’Halo del team di Brackley secondo quanto hanno riportati i colleghi di motorsport.com. Secondo alcune indiscrezioni la proposta della scuderia austriaca vorrebbe sperimentare un concetto diverso che disporrebbe di un parabrezza in acrilico, più futurista, sempre volto allo scopo di proteggere la testa dei piloti nel caso di incidenti.

Il modello, mostrato in anteprima attraverso un disegno esclusivo di Giorgio Piola, fa capire come la soluzione scelta dalla Red Bull permetterà alla monoposto di disporre di un parabrezza più grande e di due supporti laterali al posto di quello centrale, che dovrebbe migliore la visibilità dei piloti. La decisione finale sulla soluzione verrà presa esclusivamente dalla FIA e, nonostante i recenti sforzi dell Red Bull, sembra proprio che la Federazione Internazionale sia puntata verso l’Halo di stampo Mercedes che la Ferrari ha già provato durante i test del Montmelò.

Anche se sia Raikkonen che Vettel hanno dato parere positivo nonostante l’estetica, Christian Horner non ha nascosto tutte le sue perplessità nei confronti del modello provato sulla SF16H: «Capisco che la sicurezza del pilota viene prima di tutto ma non vedo l’Halo della Mercedes come uno strumento capace di limitare i rischi – ha commentato il Team Principal della Red Bull ai colleghi di motorsport.com – Così come è stato concepito non sarebbe servito a evitare i danni a Felipe Massa e a Jules Bianchi».

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio