DichiarazioniFormula 1Test BahrainTest Formula 1

Formula 1, i test invernali 2021 potrebbero spostarsi in Bahrain

La sessione di prove pre-stagionali tradizionalmente in programma a Barcellona, potrebbe spostarsi sul circuito del Sakhir

In caso di rinvio del GP d’Australia, la stagione di Formula 1 2021 potrebbe slittare con la sessione di test collettivi in Bahrain e il primo gran premio

Nella giornata di ieri, abbiamo raccontato della possibilità che il GP d’Australia 2021 possa essere rinviato a data a destinarsi, a causa delle nuove restrizioni che il Paese ha imposto per scongiurare nuovi casi di contagi di coronavirus. Per questo motivo, l’inizio della stagione agonistica potrebbe slittare di qualche giorno, con il GP del Bahrain.

In attesa dell’ufficialità, in queste ore secondo quanto riporta Motorsportweek.com, si starebbe pensando di spostare la sede e i giorni per i test pre-stagionali, previsti inizialmente e come da tradizione sul circuito di Barcellona dal 02 al 04 marzo 2021.

Già nei scorsi mesi si era parlato della possibilità che i test si potrebbero svolgere al Bahrain International Circuit dal 12 al 14 marzo 2021.

IL NUOVO CEPPO DI COVID-19 PREOCCUPA L’AUSTRALIA

La situazione sanitaria legata al covid-19 continua a preoccupare tutto il mondo, con nuovi casi di contagi in continuo aumento e con la scoperta di una nuova variante ancora più trasmissiva nel Regno Unito. Tutto ciò sta spingendo molti paesi ad adottare nuove misure restrittive.

Anche in Formula 1 la preoccupazione è fortemente sentita, a pochi mesi dal via della nuova stagione agonistica. Il ricordo di quanto avvenuto lo scorso anno, è ancora vivo ma la voglia di partire con quell’esperienza acquisita è molto alta. Tuttavia, le nuove restrizioni imposte dal governo australiano, sta mettendo a rischio lo svolgimento del GP d’Australia previsto per il 21 marzo, e con esso l’inaugurazione del campionato del mondo 2021.

“I casi di contagi di covid-19 stanno ancora rapidamente aumentando, in particolare nel Regno Unito dove è emerso un nuovo ceppo altamente contagioso. Per questo motivo il governo australiano preferisce rimanere prudente nell’aprire i suoi confini ai viaggiatori internazionali. Nelle nuove restrizioni chi viene dall’estero deve trascorrere un periodo di quarantena di due settimane,” secondo quanto riporta su Motorsportweek.com

Inoltre si riporta che la Formula 1 ha creato una propria “biosfera” per poter circumnavigare le regole sulla quarantena. Progetto che poi è stato ritenuto impraticabile per un calendario molto lungo come questo caratterizzato da 21 gare.

SI ATTENDE L’UFFICIALITA’ DEL RINVIO DELLA TAPPA AUSTRALIANA

A questo punto, se il Bahrain diventerà l’evento inaugurale della stagione, per i team sarebbe più logico spostare i test al Bahrain International Circuit. In questo modo il proprio personale potrà rimanere nel Paese in vista del Gran Premio.

Infine, sempre secondo quanto riporta Motorsportweek.com, i test slitterebbero dal 12 al 14 marzo, anziché dal 02 al 04, dando così la possibilità ai team di rimanere qualche giorno e settimana in più, per preparare e accorciare il tempo tra la sessione di test e la prima gara in programma la settimana successiva. Il tempo sufficiente per permettere alla seconda monoposto e alla squadra corse di arrivare per l’avvio della stagione.

“Non è stato raggiunto nessun accordo, ma la proposta è stata presentata dai team con una reazione generale positiva. L’ufficialità sulla conferma del rinvio della tappa di Melbourne, dovrebbe arrivare nei prossimi giorni. Poi questi piani alternativi saranno messi in azione,” così si legge nello stesso report in conclusione.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.