Formula 1Tecnica F1

Red Bull: la RB16-B una vettura evoluzione pronta a sfidare Mercedes

Il team austriaco ha chiuso in crescendo il 2020, dominando l’ultima gara dell’anno: sarà caccia al titolo nella prossima stagione

La Red Bull punta a sfidare Mercedes portando in pista nel 2021 un’evoluzione della vettura che ha vinto ad Abu Dhabi

Red Bull è convinta che l’evoluzione della RB16 utilizzata quest’anno potrà essere sufficiente per sfidare Mercedes nella lotta all’iride. La scuderia austriaca viene da un’importante boost al morale dato dalla schiacciante vittoria di Max Verstappen nell’ultima tappa di Abu Dhabi. Sarà lo stesso pilota olandese a sfidare il duo Mercedes, con la novità Sergio Perez utile a raccogliere i punti necessari per mettere pressione alle Frecce Nere.

Già dal nome si può capire quanto la nuova vettura di Milton Keynes andrà nella direzione della continuità. Si chiamerà RB16-B, confermando molti concetti già usati sulla vettura 2020. Questi verranno affinati dalle parti che hanno causato più problemi alla coppia di piloti in questa stagione. Secondo quanto riportato da Paolo Filisetti nell’edizione odierne de ‘La Gazzetta Dello Sport’, la Red Bull in vista del 2021 si concentrerà per la maggiore su quattro aree.

GIA’ RECUPERATI I PUNTI DI CARICO PERSI CON IL NUOVO REGOLAMENTO DEL FONDO

L’obiettivo principale sarà quello di ridurre gli scompensi al posteriore causati nell’ultima stagione dall’introduzione di un nuovo concetto aerodinamico all’anteriore. La riduzione dell’area di intervento sul fondo causerà una naturale perdita di carico aerodinamico che a Milton Keynes sono già pronti a ovviare. Un retrotreno ancora più stretto e una nuova scatola del cambio permetteranno alla nuova monoposto non solo di non perdere, ma di guadagnare punti di carico rispetto alla “vecchia” RB16.

Sempre secondo quanto scritto da Paolo Filisetti, novità riguarderanno anche il sostegno dell’ala posteriore (i piloti passeranno da due a uno) e i deviatori di flusso, affinati secondo l’attuale filosofia della monoposto. Un passo avanti ce lo si attende anche lato Power Unit. La uscente Honda è decisa a portare un sostanziale sviluppo, previsto inizialmente per il 2022. L’ERS dovrebbe essere l’elemento maggiormente interessato.

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.