2018Gran Premio Ungheria

Formula 1 | Gp Ungheria 2018, prove libere 1: Daniel Ricciardo leader, davanti a Vettel e Verstappen

Terminate le Prove Libere 1 del Gp Ungheria 2018, con Daniel Ricciardo in prima posizione con la Red Bull, davanti alla Ferrari di Vettel

È appena terminata la prima sessione di Prove Libere del Gp Ungheria, 11° prova della stagione di Formula 1 2018, con la Red Bull che ha segnato il miglior tempo (1:17.613) con Daniel Ricciardo che si è classificato in prima posizione, davanti alla Ferrari di Sebastian Vettel (1:17.692) e Max Verstappen (1:17.701) con l’altra Red Bull, che sembra confermare l’ottimo stato di forma della Scuderia Austriaca che sul tortuoso circuito dell’Hungaroring sembra trovarsi a suo agio.

Quarta posizione per Kimi Raikkonen con la seconda Ferrari, seguito dalle Mercedes di Valtteri Bottas (1:18.036) e Lewis Hamilton (1:18.470). Settima posizione per Romain Grosjean con la Haas e Nico Hulkenberg ottavo con la Renault, costretto nel finale a fermarsi con la sua monoposto per un guasto tecnico. L’altra Renault di Carlos Sainz è nona, seguita dalla Haas di Kevin Magnussen che chiude la top ten.

In undicesima posizione e fuori dalla top ten, Pierre Gasly con la Toro Rosso, seguito da Fernando Alonso con la McLaren e poi Brendon Hartley con l’altra Toro Rosso.

Nel pomeriggio si terrà la seconda sessione Prove Libere e vedremo come andrà a finire, in tanto qui di seguito la classifica completa di queste Prove Libere 1 del Gp Ungheria che si disputerà Domenica.

formula 1 gp ungheria prove libere 1

Topics
Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close