Gran Premio Malesia

Formula 1 | GP Malesia 2016, Toto Wolff: “La penalità a Rosberg? Senza senso”

Wolff non condivide la sanzione attribuita a Rosberg. Invece Raikkonen ritiene la manovra del tedesco troppo aggressiva

Al 38esimo passaggio, in rimonta dalle retrovie, Nico Rosberg si è infilato nello spiraglio lasciato libero da Kimi Raikkonen, prendendosi di forza la quarta posizione. Una manovra dura, ma spettacolare. Peccato che poco dopo la Direzione Gara abbia deciso di affibbiare al pilota tedesco una penalità di 10 secondi, che rischiava di costargli il podio. Una decisione severa quella dei commissari, che non è andata giù a Toto Wolff, team principal Mercedes.

“Non capisco – sono le sue parole –, c’è qualcosa che non mi torna. Nico stava rimontando brillantemente, ha trovato l’occasione per passare e l’ha sfruttata. I 10 secondi di penalità sono una cosa senza senso. Diciamo sempre che vogliamo gare più spettacolari, sorpassi mozzafiato, e poi puniamo con 10 secondi chi prova un sorpasso solo un po’ più aggressivo… Comunque non è questo l’episodio principale, visto che la penalità non ha interferito sulla posizione finale di Nico. Piuttosto voglio concentrarmi su quanto accaduto con Lewis; la penalità data a Rosberg è un problema marginale dopo tutto quello che è accaduto oggi”.

Non proprio dello stesso tenore l’opinione di Kimi Raikkonen, che ha subito l’attacco di Rosberg riportando qualche danno alla sua SF16-H. “Mi aspettavo un attacco da Rosberg – commenta Kimi – perché l’avevo visto fare una traiettoria molto singolare alla curva 1 e potevo immaginare che avrebbe provato qualche manovra nella curva successiva. Poi l’ho visto arrivare come un razzo alla mia sinistra e mi sono spostato. Non avessi reagito credo che avremmo finito tutti e due la gara in quel momento.

Raikkonen ha raccontato di avere faticato, dopo il contatto: Avevo il fondo della vettura danneggiato e qualche piccolo danno all’estremità dell’ala anteriore. Non potevo più spingere esattamente come prima, perché in una vettura di Formula 1 anche il più piccolo elemento fa la differenza. Ogni aletta ha una funzione specifica, non è lì per caso… Rosberg poi è stato penalizzato, ma anche con la sua penalità il risultato non è cambiato. Anche se ci ho provato fino all’ultimo, a stargli più vicino”.

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Un commento

  1. Difficile per Hamilton adesso la rimonta , sopratutto perche il suo primo avversario è il team che vuole il suo compagno campione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio