2018Formula 1

Formula 1 | Agag ferma l’idea di Brawn: “La F1 non può essere elettrica”

Il CEO della Formula E ha i diritti con la FIA per una formula completamente elettrica fino al 2039

Topics

Ross Brawn, direttore tecnico della Formula Uno, ha recentemente dichiarato ad F1 Fan Voice che la Formula 1 potrebbe, in futuro, divenire una formula completamente elettrica. A fermare subito questa idea, invece, è stato Alejandro Agag, CEO della Formula E (serie 100% elettrica), che ha commentato a Motorsport.com la notizia: “Ross ha affermato che, in una decina d’anni, la F1 potrà diventare elettrica, ma si sbaglia. La Formula E ha un contratto esclusivo per venticinque stagioni con la FIA per una serie completamente elettrica, per cui questo passaggio da lui ipotizzato non si può concretizzare prima del 2039. Se vorranno parlarmi e fare delle proposte, sono sempre a disposizione. Altrimenti, senza passare per me non ci sarà alcuna Formula Uno completamente elettrica.

agag formula e

Una delle ipotesi che è stata sollevata è quella che, per quanto concerne Brawn, la Formula E possa diventare una minaccia per la Formula 1, cosa che Agag ha subito smentito: “Non dovrebbero preoccuparsi di ciò. Non so se sono preoccupati, ma se lo sono sbagliano, in quanto le due serie sono molto diverse ed allo stesso tempo compatibili. Non c’è competizione tra noi, proprio perché sono serie diverse e compatibili. Ammiro molto Ross, ma stavolta ha preso un abbaglio.

Infine, Agag ha espresso un commento alla frase di Brawn sul fatto che la Formula E sia “molto giovane” per quanto concerne interesse e spettatori confrontati alla F1: “Ammiriamo molto la Formula Uno, e non cambieremo mai la nostra opinione su di essa. Ma questi commenti arrivano solo dopo che la Formula E ha iniziato a crescere rapidamente, per questo capisco come alcuni abbiano pensato di far diventare la F1 elettrica. Lo stesso Bernie Ecclestone lo disse qualche mese fa, ma non possono farlo senza parlare con noi che abbiamo l’esclusiva con la FIA. Se lo facessero fuori dalla FIA non si chiamerebbe più F1, per cui sono con le mani legate“.

Topics
Pubblicità

Fabio Seghetta

Studente universitario di Informatica. Ho una smisurata passione per il motorsport (F1, MotoGP, IndyCar, Formula E). Ho partecipato al campionato Formula Student con la mia università, arrivando secondi nel 2016 in classe 3 (stravincendo la prova di Cost Report). Gestisco la pagina Instagram @theracingstalker.