Formula 1Gran Premio Italia

Ferrari, Elkann difende Binotto ma…

Nonostante questo 2022, il numero uno della Rossa continua ad avere piena fiducia nella squadra e soprattutto in Leclerc

Il Presidente della Ferrari, John Elkann, ha voluto mandare un messaggio di fiducia rivolto a Mattia Binotto, attuale Team Principal della Rossa. Ma non è tutto oro quel che luccica

Il numero uno della Ferrari, che ricopre il ruolo dal 2018, nonostante le parole di stima nei confronti di Mattia Binotto e della squadra stessa ha sottolineato di “non essere soddisfatto” dello stato di forma attuale del team. Oltre ai problemi di affidabilità, nel corso dei mesi sarebbero state prese troppe “decisioni discutibili” dal muretto.

La Ferrari era partita più che bene all’inizio della stagione 2022 di Formula 1. Charles Leclerc ha ottenuto due vittorie e un secondo posto nelle prime tre gare dell’anno. Ma è bastato poco per far capitombolare l’intera scuderia.

I dettagli fanno la differenza

A causa dei problemi di affidabilità che hanno attanagliato le F1-75 del monegasco e di Carlos Sainz, delle errate scelte strategiche decise dal muretto oltre a svariate gaffe e a qualche errore di troppo di Leclerc, le ambizioni mondiali della Ferrari sono state ridimensionate.

Quest’anno siamo stati competitivi, esattamente come avevamo previsto due anni fa e siamo riusciti a trasformare la nostra competitività in vittorie riuscendo a tornare finalmente sul gradino più alto del podio – ha raccontato il Presidente della Ferrari in un’intervista rilasciata in esclusiva ai colleghi della Gazzetta dello SportDietro questo successo c’è il lavoro di tutta la squadra. Non possiamo dimenticare che nello sport professionistico, i piccoli dettagli fanno la differenza. Nel 2020, il 48% dei nostri pit stop era inferiore ai tre secondi, con una media di 2,75 secondi. Nei primi 15 Gran Premi di quest’anno, il 70% delle nostre soste era inferiore ai tre secondi, con una media di 2,6 secondi“.

La Ferrari spera a Monza di fare un regalo ai tifosi

Questo fine settimana, il campionato di Formula 1 fa tappa a Monza. Se il weekend sembra essere partito col piede giusto per le Ferrari, che hanno leaderato le prime due sessioni di prove libere, l’ombra della Red Bull e di Max Verstappen incombe sul Cavallino Rampante. Il campione del mondo in carica ha un vantaggio di 109 punti su Leclerc, mentre Ferrari è dietro a Red Bull di 135 lunghezze nella classifica riservata ai costruttori.

Nonostante questo 2022, Elkann continua ad avere piena fiducia nella squadra e soprattutto nel pilota di punta, Charles Leclerc. Secondo il Presidente della Ferrari, il monegasco e il Cavallino Rampante riusciranno a diventare Campioni del Mondo prima del 2026, anno in cui entreranno in vigore i nuovi regolamenti sui motori.

Bisogna lavorare sull’affidabilità perché purtroppo e ti manca questo fattore non puoi andare da nessuna parte. Penso che la Ferrari vincerà nuovamente il titolo Costruttori e quello Piloti prima del 2026, con Charles Leclerc in pole position. Siamo fortunati ad avere due piloti fantastici, sicuramente la miglior coppia dell’attuale griglia di partenza di Formula 1“, ha chiosato Elkann.

La fiducia in Binotto mai messa in discussione per Elkann

Nonostante i problemi di vario tipo che hanno fatto sprofondare la Ferrari nel Mondiale, il numero uno della Rossa ha espresso piena fiducia nell’operato di Binotto, indicandolo come “la persona giusta per la carica di Team Principal”. La parola d’ordine per il Cavallino Rampante, quindi, deve essere progredire.

Abbiamo visto che quest’anno sono stati commessi troppi errori. Di affidabilità, guida e strategia – ha sottolineato Elkann – Dobbiamo continuare a progredire e questo vale per i meccanici, gli ingegneri, i piloti e ovviamente anche per l’intero team dirigenziale.
Nutro piena fiducia nei confronti di Mattia Binotto e apprezzo tutto quello che lui e gli ingegneri stanno facendo. Ma, come si diceva in precedenza, il lavoro a Maranello, ai box, al muretto e in auto deve migliorare.
Continuo a pensare che riporre la nostra fiducia nell’attuale Team Principal della Ferrari e nel suo staff sia stata la decisione più corretta. E ne stiamo raccogliendo i frutti. È stato grazie a loro che siamo competitivi e che siamo tornati a vincere. Ma non sono completamente soddisfatto perché possiamo sempre fare meglio“, ha concluso.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.