DichiarazioniFormula 1

Ferrari e Kaspersky, accordo “in pausa” per la situazione in Russia

La scuderia del Cavallino e l’azienda russa continueranno nella loro partnership, ma il logo di Kaspersky non sarà presente sulla rossa, almeno per i test di questa settimana in Bahrain

La fornitura di anti-virus da parte di Kaspersky non verrà interrotta, ma Ferrari non esporrà il nome della società russa sulla propria monoposto in relazione a quanto sta succedendo tra Russia e Ucraina

Ferrari conferma: niente logo Kaspersky sulla rossa nei test in Bahrain, decisione legata alla situazione relativa al conflitto tra Ucraina e Russia. Rimosso anche dai caschi di Leclerc e Sainz e sostituito dal classico hashtag #essereferrari, in accordo con Kaspersky. Ciò non significa che la partnership sia stata annullata. L’azienda di cybersecurity russa continuerà a fornire anti-virus al Cavallino; l’accordo è stato semplicemente messo “in pausa” dal punto di vista della sponsorizzazione visibile sulla vettura.

Ferrari crede che il mondo dello sport dovrebbe inviare un chiaro messaggio a sostegno del popolo ucraino“, si legge in una dichiarazione rilasciata a RacingNews365.com. Già ad inizio settimana la scuderia di Maranello si era resa protagonista di un bellissimo gesto nei confronti dell’Ucraina. Si tratta di una donazione di un milione di euro a favore dei civili, messi in crisi dalla guerra scoppiata nelle ultime due settimane.

Il futuro di Shwartzman?

Un nodo cruciale per la squadra di Modena riguarda il proprio terzo pilota e test driver, Robert Shwartzman. La FIA ha dato il suo benestare affinché i piloti russi e bielorussi continuino a gareggiare, seppur sotto bandiera neutrale; oltre a questa vi sono altre varie condizioni, che includono la firma di un modulo di “driver commitment”. Dunque non vi sarebbero problemi relativi ad eventuali partecipazioni a test o prove libere, ma si apprende come il futuro del giovane pilota sia attualmente sotto esame da parte della Ferrari. Le opzioni sotto valutazione sono varie e si pensa che a breve si avranno notizie di eventuali decisioni del Cavallino.

Ricordiamo che, sebbene Shwartzman sia nato in Israele, si identifichi come russo, correndo sotto la bandiera del paese dell’est Europa. Lo scorso anno ha preso parte al campionato di Formula 2, finendo al secondo posto dietro al solo Oscar Piastri, pilota dell’academy Alpine, nonché terzo pilota della scuderia francese per il 2022.

Carlotta Ramaciotti

Da 20 anni appassionata di sport. L'amore per i motori nasce dal papà e cresce insieme alla mamma e a questo si lega la passione per la scrittura. Obiettivo: fare della mia passione il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.