Formula 1Test Abu Dhabi

Ferrari, ad Abu Dhabi niente test per Sainz: la FIA si è opposta

Le speranze della Ferrari di far partecipare il pilota titolare del 2021 al test di Abu Dhabi sono svanite a causa del veto della FIA

Lo spagnolo non potrà prendere parte al test che si svolge il martedì successivo al finale di stagione, originariamente destinato ai giovani piloti

La FIA ha bloccato le speranze della Ferrari di far scendere in pista Carlos Sainz nel corso del test di Abu Dhabi. Le regole del test stabiliscono che possono prendere parte alla sessione solamente quei piloti che hanno all’attivo non più di due presenze nel corso della stagione appena terminata. Ecco perché la Renault ha ricevuto dall’organo di governo dell’automobilismo l’autorizzazione per Fernando Alonso, che tornerà in Formula 1, passando dal test di Abu Dhabi, dopo due stagioni di distanza.

La FIA ha accettato che Alonso ricevesse un’approvazione speciale a causa della sua lunga assenza. È stato chiarito, infatti, che i piloti senza presenze nel corso nel 2020 sarebbero stati autorizzati a partecipare al test, anche se avessero gareggiato in più di due Gran Premi nella loro carriera. Questa presa di posizione ha aperto la porta anche a Sebastian Buemi, che scenderà in pista con la Red Bull.

LA REAZIONE DELLA FERRARI DOPO LO STOP AL TEST PER SAINZ

La Ferrari, in particolare, si è dichiarata scontenta del fatto che Alonso potesse partecipare a quello che dovrebbe essere un test per soli giovani piloti; per questo motivo, da Maranello, hanno proposto a Sainz di scendere in pista per il test. Il team principal Mattia Binotto ha dichiarato, nel corso del Gran Premio di Sakhir, di aver chiesto l’autorizzazione alla FIA in quanto lo spagnolo cambierà scuderia a fine stagione.

“Penso che sia un bel problema, e certamente noi della Ferrari crediamo che la partecipazione di Alonso al test sia sbagliata, ha spiegato Binotto. “All’epoca, durante i vari comitati consultivi con la FIA, cercammo di chiarire la situazione. Ma adesso, avendo sentito la decisione, abbiamo chiesto alla FIA il permesso per Carlos. Ne abbiamo discusso questo fine settimana, ma non abbiamo ricevuto il feedback.

A causa delle numerose richieste giunte dal paddock, il direttore di gara della Formula 1 Michael Masi ha inviato una nota ai team, nella giornata di martedì, per informarli che non ci sarebbero state modifiche alle regole del test. Masi ha chiarito la posizione della FIA sottolineando che, per qualsiasi pilota che avesse preso parte a più di due Gran Premi, sarebbe stata data l’approvazione per correre al test solo se “non avesse gareggiato in nessuna gara di Formula 1 durante la stagione 2020”.

La decisione presa darà certamente fastidio alla Ferrari, che avrebbe voluto far acquisire a Sainz alcune esperienze nella sua nuova scuderia. L’unica opzione rimasta a Maranello sarà quella di far provare all’attuale titolare della McLaren la vettura del 2018 in un test privato, all’inizio del prossimo anno. Ricordiamo che, alla luce di queste regole, Jack Aitken potrà prendere parte ai test di Abu Dhabi anche se dovesse gareggiare con la Williams nell’ultima gara del 2020.

Pubblicità

Amedeo Barbagallo

Catania, 2001. Studio Filosofia e curo un Blog. Collaboro con F1world. Sono l'autore del libro "I ragazzi che salvarono il mondo", Santelli Editore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.