DichiarazioniFormula 1Formula 2Gran Premio Sakhir

Haas: obiettivo correggere Mazepin

In Formula 2 il pilota russo spesso si è fatto notare per qualche manovra oltre i limiti

Due penalità in un’unica gara e ad un punto dal race ban: non il massimo per iniziare la carriera in Formula 1. Adesso Nikita non può più sbagliare

Nella Feature Race di Formula 2 del weekend di Sakhir, Nikita Mazepin si è distinto per una condotta di gara decisamente aggressiva. Il russo, infatti, da poco annunciato come pilota della Haas per il 2021, ha accumulato in 48 giri ben due penalità di 5 secondi. La prima sanzione è arrivata per aver forzato fuori dalla pista Yuki Tsunoda, la seconda per aver stretto Felipe Drugovich contro il muretto dei box in rettilineo rischiando una collisione.

Oltre ai 10 secondi di penalità, gli sono stati combinati due punti sulla licenza. Adesso il futuro pilota Haas ha undici punti, il che significa che è a meno uno dal dodicesimo, quello che causerebbe il temuto race ban. “Ho visto la gara di Formula 2 e penso che quelle penalità facciano parte dell’apprendimento. Di sicuro abbiamo il nostro bel da fare. Dobbiamo imparare da ciò e vedere che questi errori non vengano commessi“, ha spiegato Guenther Steiner a Racefans.net

INTANTO AD AL-SAKHIR E’ ARRIVATA LA TANTO ATTESA SUPERLICENZA

Nikita mazepin, comunque al netto delle penalità è riuscito a conquistare il quinto posto in classifica, ottenendo i punti necessari a guadagnare la superlicenza. “La cosa buona è che è riuscito a prendere la superlicenza, il che è un risultato raggiunto”, ha spiegato Steiner. “Ma queste cose accadono quando il tuo cervello se ne va.”

Ero molto fiducioso che l’avrebbe ottenuta grazie alla sua esperienza. Di sicuro, se avesse avuto un incidente e fosse stato costretto a saltare alcune gare, sarebbe stato difficile. Abbiamo corso un piccolo rischio, ma è andata bene grazie a Dio“, ha concluso il team principal della Haas.

Le manovre realizzate da Mazepin in Formula 2 sono state notate e commentate anche da Daniel Ricciardo. “Spero davvero che riceva una penalità”, ha detto l’australiano a Motorsport-Total, “E’ andato oltre il confine. Ha cambiato traiettoria più di una volta e questo non è consentito.”

 

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.