Curiosità dalla F1Formula 1

Ecclestone appoggia Verstappen nella critica a Netflix

Anche il vecchio Bernie condivide le opinioni dell’olandese secondo cui gli sceneggiatori di ‘Drive To Survive’ descrivano un mondo diverso dalla realtà

La docuserie che tanto successo ha riscontrato tra appassionati e non, è finita per far storcere il naso a Verstappen ed Ecclestone, che non riconoscono il paddock descritto da Netflix con quello frequentato abitualmente

Negli ultimi giorni avevano fatto discutere le dichiarazioni di Max Verstappen che aveva annunciato di non voler comparire nella quarta stagione di ‘Drive To Survive’. Secondo l’olandese la docuserie prodotta da Netflix che racconta dall’interno il mondo della Formula 1, romanza eccessivamente le vicende sportive creando rivalità in realtà inesistenti.

La critica di Max ha trovato l’appoggio di Bernie Ecclestone. L’inglese non ha gradito come gli sceneggiatori abbiano distorto un mondo di cui lui fino a qualche anno fa era il grande boss e che quindi conosce decisamente bene. “Ho vissuto quel mondo e so che non è molto reale ciò che si vede. Conosco questi piloti e so come ragionano e come si comportano. Nel momento in cui vedi che le cose che riportano sono il contrario di quello che sai, ti succede quello che è successo a Max e ti arrabbi”, ha spiegato Ecclestone all’agenzia Reuters.

MAX E LEWIS HANNO RIACCESO L’INTERESSE

Parlando della stagione attuale Bernie Ecclestone non ha potuto non celebrare la splendida rivalità tra Red Bull e Mercedes, ma soprattutto tra Max Verstappen e Lewis Hamilton. Avere due piloti in grado di giocarsela cosi intensamente per tutto il campionato, almeno finora, ha riacceso l’interesse di molti, dopo due anni di completo dominio di Lewis Hamilton.

“Da due anni Lewis era quello che partiva dalla pole e guidava la corsa dall’inizio alla fine e nessuno era entusiasta di ciò. Quest’anno, invece, ho voglia di vedere tutte le gare, prove libere comprese. Su chi punterei tra i duellanti? Direi che è meglio andare a giocare alla roulette, perché tutto può accadere”, ha commentato Ecclestone per chiudere.

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.