DichiarazioniFormula 1

Domenicali: “La Formula 1 avrà nuovi Costruttori”

Il capo della Formula 1 è convinto che la nuova gestione porterà molti Costruttori ad entrare nel Circus

L’obiettivo di Stefano Domenicali è quello di regalare uno spettacolo sempre più coinvolgente per il pubblico

In un’interessante intervista alla Gazzetta dello Sport Stefano Domenicali ha tracciato quelli che sono i suoi obiettivi ora che è al vertice della Formula 1. Il manager imolese arriva in un momento di forti turbolenze, in cui tutto il mondo è sconvolto dalla pandemia. Ma non perde l’ottimismo, ed è convinto di poter far bene, convincendo nuovi Costruttori a lanciarsi nel mondo delle competizioni.

“La Formula 1 è ancora la piattaforma sportiva con il più alto numero di spettatori e tifosi. In tanti cercano di metterla all’angolo dicendo che è vecchia, ma non è assolutamente vero. Penso al contrario che ci sarà sempre più interesse da parte dei Costruttori, dei team privati, da molti altri soggetti. Lo dimostreremo con i fatti. Faremo crescere la parte emotiva del nostro sport”, ha dichiarato Domenicali in apertura.

“La Mercedes vince da diverso tempo, ma i cicli ci sono sempre stati. Bisogna raccogliere gli stimoli e mettere al centro i piloti. Come accade per esempio nel motociclismo, dove viene percepito che sia il pilota a fare la differenza. Su questo fronte la Formula 1 parte da buoni basi, perchè ci sono tanti piloti forti e di prospettiva, pronti a crescere nelle prossime stagioni. Penso che con il regolamento del 2022 si sia fatto un passo in avanti per lo spettacolo. L’impatto dell’aerodinamico sarà minore, e di conseguenza ci sarà la possibilità di stare più tempo in scia. Un secondo elemento da considerare è il Budget Cap. Vogliamo una Formula 1 dai costi sostenibili, e alla portata degli appassionati”, ha proseguito Domenicali.

L’ADDIO DI HONDA

L’attenzione si è poi spostata sull’addio di Honda, che lascerà la Formula 1 alla fine del 2021. Ci dispiace, ma faremo in modo che il nostro sport diventi affascinante per i grandi Costruttori. Possiamo essere una grande piattaforma per ribadire la diversità anche per chi ha investito tanto sull’elettrico. La Formula 1 è in grado di offrire possibilità di sviluppo di altre tecnologie e di altre propulsioni con attenzione alla sostenibilità”.

“Tutto passa da una semplificazione delle regole. Se oggi prendiamo in mano il regolamento tecnico e sportivo sembrano la Bibbia. Vogliamo delle regole chiare e semplici, mantenendo però quanto più piccola possibile la zona interpretativa, evitando le zone grigie. Diversificare la nostra offerta è necessario per evitare gli errori che sono stati fatti in passato“, ha concluso Domenicali.

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.