Formula 1Le 5 cose che non sapevi

Cinque motivi per seguire la nuova stagione

Ecco secondo noi, i motivi per cui questa stagione merita una chance…dopo gli ultimi avvenimenti

Non è stata la migliore preparazione alla stagione di F1 2024 con nuovi stupidi nomi di squadra e l’ennesimo circuito cittadino iscritto al calendario

E dopo l’annuncio del sensazionale passaggio di Lewis Hamilton alla Ferrari, alcuni sarebbero piuttosto felici di dormire per tutti i prossimi 12 mesi e svegliarsi nel 2025. Ma ci sono ancora molte ragioni per guardare alla stagione attuale.
Mentre il conto alla rovescia per l’apertura della stagione in Bahrein continua, ecco cinque motivi per rimanere entusiasti della F1 nel 2024.

Max Verstappen e la Red Bull fanno altra storia

Solo uno sciocco potrebbe fingere che Max Verstappen e la Red Bull non siano in attesa di ulteriori successi dopo una storica stagione del 2023.

Fondamentalmente, sia la squadra che il pilota sono consapevoli che ripetere la scorsa stagione sarà quasi impossibile. Verstappen ha commentato subito dopo essere sceso dalla RB19 per l’ultima volta ad Abu Dhabi che “Sarà difficile fare di nuovo qualcosa di simile”.
Ciò dovrebbe proteggerli dall’entrare in crisi quando Verstappen e la Red Bull alla fine avranno una o due gare senza vittorie.
Se Verstappen riuscirà ad aprire il 2024 con tre vittorie consecutive in Bahrein, Arabia Saudita e Australia, eguaglierà il suo record di 10 vittorie consecutive.
E se riuscisse davvero a vincere un quarto Campionato del Mondo quest’anno, diventerebbe il secondo pilota nella storia a passare da zero a quattro titoli in un unico grande balzo.
L’unico altro uomo a farlo? Sebastian Vettel con la Red Bull, ovviamente.

L’impero rischia di cadere?

Dopo due anni da dimenticare, un terzo – avendo già perso Hamilton prima ancora che la nuova stagione iniziasse, riflettendo in modo schiacciante la sua perdita di fiducia nella squadra – è semplicemente impensabile per la Mercedes.
Eppure, per fortuna, ogni parola pronunciata dal direttore tecnico James Allison durante l’inverno indica che la squadra ha finalmente compreso i segreti dietro il successo della Red Bull.
Si scopre che non sono state le pance dopotutto ma l’interazione tra le sospensioni e i tunnel sotto il pavimento dell’auto, che formano la base per una piattaforma aerodinamica stabile ed efficiente.

Nessuno si aspetta che la Mercedes arrivi in ​​Bahrain con un battitore Red Bull, ma un’auto guidabile con una chiara direzione di sviluppo costituirebbe un solido punto di partenza nel periodo che porta alla fine dell’attuale ciclo di regole nel 2025.
E una Mercedes in grado di lottare nuovamente per vittorie semi-regolari consentirebbe almeno a Hamilton di firmare in una sorta di stile.

Charles Leclerc è tornato al suo splendore

Hamilton potrebbe credere il contrario ma, a differenza della Mercedes, non c’è ancora alcun segno che la Ferrari sia diventata consapevole dei segreti più profondi della Red Bull.
Mentre Allison parlava a lungo dell’importanza del design delle sospensioni, il direttore tecnico della Ferrari Enrico Cardile sembra aver preso il punto di vista opposto sostenendo che le sospensioni sono “sopravvalutate” nell’era attuale.
Quindi chissà cosa si inventerà esattamente la Ferrari quando la SF-24 verrà lanciato il 13 febbraio.

Se andare per la propria strada sul design automobilistico si rivela una mossa ispirata da parte della Ferrari, sarà divertente vedere Charles Leclerc tornare a qualcosa di vicino al suo massimo potenziale, prima dell’arrivo di Hamilton.
Anche nella stagione più impegnativa della sua carriera, Leclerc ha comunque concluso il 2023 con quattro pole position al merito, le sue tradizionali detonazioni di fine Q3 a Baku, Austin, Messico e Las Vegas ricordano che rimane a conti fatti il ​​pilota più veloce di tutti su un singolo giro .

C’è ancora il Daniel Ricciardo di un tempo?

Le prove finora rimangono, nella migliore delle ipotesi, inconcludenti.
È possibile che Ricciardo abbia già perso la sua migliore occasione di tornare alla Red Bull, la sua mano rotta dopo la pausa estiva non lo ha lasciato nella posizione di sfruttare la stagione di Sergio Perez passata da caotica a disastrosa.
Un’impressionante corsa fino al settimo posto nella sua seconda gara di ritorno dall’infortunio in Messico è stata l’unico vero momento clou, rispetto a Yuki Tsunoda.
E per quanto vorrebbero davvero farlo, la Red Bull ha bisogno di vedere di più per giustificare la restituzione di Ricciardo al suo vecchio posto accanto a Verstappen.

Ricciardo ha detto apertamente che lui e la Red Bull sono ancora in procinto di districare le cattive abitudini che ha sviluppato alla McLaren, cercando ancora di rimetterlo insieme per renderlo il pilota che era una volta, ma a 34 anni il tempo scorre rapidamente.

Ma l’auto dei suoi sogni potrebbe arrivare proprio al momento giusto?
Se Ricciardo si ritrovasse a guidare quella che è effettivamente una RB19 di seconda mano quest’anno, un paio di podi a inizio stagione – mentre Mercedes e Ferrari iniziano lentamente a conoscere le loro nuove auto – potrebbero creare uno slancio che persino Helmut Marko troverebbe irresistibile.

Oscar Piastri sempre più forte

Allora quale sarà il futuro di Oscar Piastri dopo la più grande stagione d’esordio dai tempi di Hamilton?
Un gruppo meschino si è sforzato di screditare i suoi successi nel 2023, indicando il deficit di 108 punti di Lando Norris nel campionato come prova che Piastri non era niente di speciale.
Eppure, un anno da rookie in cui ha surclassato Norris sui tradizionali circuiti di Spa e Suzuka e ha convertito la pole in vittoria nella gara sprint del Qatar è stato eccezionale.
In quasi ogni aspetto è un clone di Verstappen, dallo stesso tocco naturale e sensibilità per un’auto da corsa alla sua apparente immunità a qualsiasi tipo di pressione.

È indiscutibile, tuttavia, che ci siano aree su cui lavorare, visto che la gestione delle gomme è emersa come un punto debole costante contro Norris la scorsa stagione.
Non c’è nulla di cui preoccuparsi, dato che padroneggiare le gomme Pirelli è una sfida notoriamente difficile affrontata da ogni debuttante arrivato in F1 per la maggior parte degli ultimi 15 anni.
Persino Max non era esperto in quell’area finché non ha trascorso gran parte della sua seconda pre-stagione di F1 concentrandosi sulla presa di confidenza con le gomme.
Piastri è altrettanto autocritico e abbastanza intelligente da capire che è qualcosa che deve affrontare.
E quando lo farà, Norris avrà del lavoro da fare cercando di contenerlo.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio