DichiarazioniFormula 1

Brawn: “Dovremmo correre in Vietnam”

Il Coronavirus minaccia anche la gara di Hanoi: la FIA resta in guardia

Il Ministero della Salute vietnamita ha messo in quarantena un’intera regione, ma Liberty Media rassicura sullo svolgimento della manifestazione

Dopo il rinvio del GP di Cina, per la Formula 1 l’allarme Coronavirus si sposta in Vietnam, dove la gara è prevista per domenica 5 aprile.

“Oggi, 13 febbraio 2020, isoliamo e mettiamo in quarantena urgentemente la regione di Son Loi per un periodo di 20 giorni” , ha annunciato il Ministero della Salute del Vietnam in una nota diffusa giovedì.

Inoltre, è stato limitato il traffico aereo da e per il Paese asiatico, impedendo ogni spostamento a chi si sospetta possa essere stato contagiato.

MA IL MOTOMONDIALE…

Dichiarazioni che vanno in contrasto con le rassicurazioni di Brawn: “Il Gran Premio del Vietnam si dovrebbe svolgere regolarmente”, ha dichiarato l’ex uomo Ferrari.

“La situazione è simile a quella del Regno Unito. Ci sono stati alcuni casi di contagio, ma non è un livello tale da riguardarci. Per ora il GP è confermato.

La situazione è in costante aggiornamento: se Liberty Media rassicura, basta guardarsi attorno per capire che la questione non è di facile risoluzione.

Anche il Motomondiale medita di saltare l’appuntamento del 22 aprile in Thailandia: facile capire quanto la situazione sia ancora in totale evoluzione.

Pubblicità

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 28 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Istruttore di scuola guida nella vita, appassionato fin da piccolo di Formula 1 e del motorsport a 360 °.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button