DichiarazioniFormula 1

Brawn: “Divorzio McLaren-Honda è stata la scelta più saggia”

Il dirigente sportivo britannico ha ripercorso le decisioni prese dal team nel corso degli anni passati, vedendo come positiva quella di abbandonare la partnership con la casa giapponese

L’amministratore delegato del Circus ha analizzato la decisione presa dalla scuderia di Woking nel 2017, ritenendola assolutamente necessaria per la sopravvivenza del team

La collaborazione tra Honda e McLaren non è stata assolutamente rosea come i due si erano aspettati, tant’è che nel 2017 il team di Woking ha dovuto separarsi dalla casa giapponese. Una decisione che, secondo Ross Brawn, ha salvato la scuderia dal fallimento e le ha permesso di evidenziare le proprie debolezze. Secondo l’amministratore delegato del Circus si è trattato di una presa di posizione necessaria per individuare i propri difetti e lavorare su di essi.

DALLE STELLE ALLE STALLE… E VICEVERSA

Tornata alla ribalta nel 2015, Honda ha cercato di ravvivare gli animi della McLaren, anche se alla fine il rapporto tra i due si è rivelato tutt’altro che dominante. Dopo tre anni di delusioni, i due hanno annunciato il divorzio e McLaren ha accolto Renault come fornitore del motore. Da quel momento Honda è riuscita a collezionare una serie di successi in Formula 1 che hanno fatto pensare a una decisione sbagliata da parte della scuderia di Woking.

Ma a prescindere dai suoi miglioramenti, Brawn ha sottolineato come si sia trattato invece di una presa di posizione assolutamente corretta. Staccandosi da Honda, McLaren ha avuto modo di allontanare una relazione tossica che ormai era in grado di generare soltanto malumore e delusione.

Ora hanno persone più sensibili e ci hanno messo del tempo per riconoscerlo. Tutti dicevano che avevano fatto un grande errore a sbarazzarsi di Honda, ma penso che abbiano dovuto farlo per forza, per riconoscere quello che dovevano fare come squadra”.

Separandosi dalla casa giapponese, McLaren è riuscita a comprendere come il problema non fosse solo relativo al motore. Questo ha permesso a tutta la scuderia di lavorare anche su altri piccoli aspetti che hanno comportato diverse modifiche, le stesse che hanno portato la scuderia a risollevarsi e a intascare il quarto posto nel mondiale dello scorso anno.

GLI OBIETTIVI 2023 E I DUBBI DI BRAWN

Ora la scuderia ha fissato per il 2023 l’obiettivo finale di tornare a vincere, soprattutto grazie alle modifiche al regolamento che avverranno a partire dal prossimo anno. Come dichiarato a Motorsport, Brawn è convinto che i prossimi anni possano rappresentare quelli di rivincita del team, anche se diversi sono gli aspetti e gli ostacoli ancora da considerare.

Hanno diverse sfide da affrontare economicamente, questo è un problema. So che c’è un po’ di frustrazione per alcune scuderie, perché il controllo dei costi non è più così basso […]. Ma sarà comunque un cambiamento drastico anche per i team migliori […] e penso che questo porterà un po’ di parità in pista”.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button