DichiarazioniFormula 1

Bahrain GP, Corona virus: interrotta la vendita dei biglietti

I responsabili della seconda tappa del mondiale confermano l’evento ma, valutando la situazione dovuta al Corona virus, hanno fermato la vendita dei biglietti

Gli organizzatori della seconda tappa del mondiale, che si terrà in Sakhir, hanno interrotto la vendita dei biglietti, fiduciosi in un miglioramento delle circostanze.

La gara di Formula 1, che si correrà il 22 marzo 2020 , ha subito una battuta d’arresto a causa della diffusione del Corona virus. Infatti, i responsabili del Bahrain GP hanno interrotto la vendita dei biglietti.
Nonostante ciò, assicurano che, in caso di miglioramento della situazione, sarà loro premura consentire nuovamente la possibilità di acquisto. Inoltre, mantengono viva l’opzione di un possibile rimborso, nel caso in cui si debba ridimensionare la folla rispetto alla cifra attuale.

Gli organizzatori hanno spiegato di voler garantire un evento “sicuro ed emozionante”, lavorando al fianco dei dipartimenti governativi per mitigare la diffusione del COVID-19.
Hanno così riportato: “Alla luce del continuo scoppio globale del virus, il BIC ha annunciato che venderà i biglietti per il GP garantendo le linee guida di distanza sociale adeguate.
“Man mano che emergono ulteriori fatti, il BIC si mantiene in stretta comunicazione con la Formula 1 e le autorità sanitarie del Regno per valutare la situazione in via di sviluppo. Così, a seconda delle circostanze, potranno decidere se rilasciare ulteriori biglietti o rimborsarne il valore nominale”, hanno poi aggiunto.

BAHRAIN GP: LE MISURE DI SICUREZZA

Il circuito del Sakhir si sta organizzando per mettere in campo le migliori misure di sicurezze. L’impegno è volto a garantire tranquillità ai lavoratori e a tutti gli spettatori che prenderanno parte al GP.
Infatti, i responsabili dell’evento hanno annunciato: Abbiamo introdotto delle misure di salute pubblica in vista del GP per garantire la sicurezza di tutti gli spettatori, delle squadre e del restante personale. Queste misure includono procedure di screening all’ingresso, strutture mediche specialistiche in loco, servizi igenico-sanitari avanzati e stazioni di lavaggio delle mani. Vengono messi a disposizione anche punti di informazione per i fan e protocolli medici specifici per gestire eventuali casi sospetti di Corona virus”.

OBIETTIVO: GARANTIRE UN INGRESSO SICURO AI TEAM E AI FAN

Il Bahrain GP è stato messo in discussione a causa delle restrizioni sui viaggiatori provenienti dai paesi colpiti. Nonostante ciò, grazie alle misure che verranno adottate, per il momento, la seconda tappa del mondiale è stata confermata.
Infatti, il BIC dall’inizio di questa settimana, sta lavorando in stretto contatto con la Formula 1 per ridurre al minimo le problematiche dovute ai viaggi. Così facendo cercano di garantire un ingresso sicuro ai team e ai fan provenienti dalla aree maggiormente colpite, tra cui Giappone e Italia.

Pubblicità

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button