DichiarazioniFormula 1

Alonso: “Sainz ha sempre avuto compagni di squadra ostici”

L’asturiano elogia il connazionale perché nonostante ha condiviso il sedile con Verstappen e Hulkenberg è riuscito a far bene. Inoltre spiega l’emozione e la tensione di gareggiare in casa, soffermandosi infine sui GP virtuali

Fernando Alonso ha elogiato la carriera sportiva di Carlos Sainz in Formula 1. Il due volte Campione del Mondo assicura che il suo connazionale sta andando molto bene, e non si riferisce soltanto alla scorsa stagione con la McLaren

Sainz ha dimostrato il suo valore anche nei quattro anni precedenti alla stagione con il team di Woking, secondo Alonso. Stagioni in cui ha avuto compagni ostici come Max Verstappen o Nico Hulkenberg. “Carlos sta andando alla grande, e non solo l’anno scorso. Anche in Toro Rosso ha fatto un ottimo lavoro. Ha avuto Verstappen come compagno di squadra all’inizio, poi Hulkenberg in Renault. Perciò ha sempre avuto compagni di squadra forti e si è comunque distinto. Questo è un bene sia per la Spagna che per lo stesso sport. Spero che abbia un brillante futuro, ha così affermato Alonso nelle dichiarazioni rilasciate per il canale ufficiale della Formula 1.

L’ASTURIANO SPIEGA IL CIRCUITO DI CASA E LA PRESSIONE SENTITA

Il due volte Campione del Mondo è stato accostato al mondo delle corse virtuali, anche se non per gareggiare, dato che a casa non ha un simulatore. Prima del GP virtuale di Spagna, i responsabili della cronaca l’hanno contattato per chiedergli qualche sorta di consiglio sul circuito catalano. “Tutti i piloti conoscono bene Barcellona a causa dei test pre-stagionali e delle gare nelle categorie minori. E’ un circuito in cui è necessario un buon set-up, carico aerodinamico e molta precisione, soprattutto nel terzo settore”, ha proseguito.

Alonso ha vinto due volte sulla pista di Barcellona: nel 2006 con la Renault e nel 2013 con la Ferrari. Per lui sono state due delle vittorie più emozionanti della sua carriera, ma afferma che la pressione sentita è stata anche maggiore rispetto a qualsiasi altro evento. “E’ una sensazione unica correre a casa. Ma c’è una pressione extra perché hai i fan di casa lì e anche la famiglia. Ma tutto ciò è allo stesso tempo una grande motivazione per fare bene. Ricordo la vittoria del 2006, è stato un momento davvero magico.

SECONDO ALONSO I GP VIRTUALI SONO LONTANI DALLA REALTA’

Infine, l’asturiano ha rivelato che sta seguendo le gare virtuali di Formula 1 e ha ricordato l’interessante GP brasiliano virtuale. Anche se ha dichiarato di ritenere tutto ciò ancora ben lontano dalla realtà. “E’ davvero molto divertente da vedere. Ho visto la gara brasiliana e ci sono stati molti sorpassi, ma non è lo stesso della realtà”, ha così concluso Alonso.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button