DichiarazioniFormula 1

Alonso è pronto a rinnovare con Alpine. E Schumacher?

Il futuro di Piastri e del pilota Haas, potrebbe essere collegato alla possibile firma di rinnovo dell’asturiano con il team di Enstone? Vedremo…

Mercato piloti: Fernando Alonso sembra prossimo a firmare il rinnovo con Alpine. Mossa che potrebbe scatenare un effetto domino

Sono state disputate appena, quattro gare dall’inizio della nuova stagione 2022, e già all’interno del paddock della Formula 1, si sta discutendo sui contratti dei piloti, e formare le line-up per il 2023. Sono diversi i piloti, i cui contratti sono in scadenza al termine di questo campionato, mentre altri sono già sistemati per i prossimi anni. Tra i piloti, che dovrà decidere e vedere di ottenere un prosieguo di contratto, e non rimanere a piedi dalla prossima stagione, ci sono Fernando Alonso e Mick Schumacher. La loro posizione, a quanto pare potrebbe essere collegata, a Oscar Piastri, giovane pilota e campione di Formula 2 2021.

Il giornalista della Formula 1, Joe Saward, ha dichiarato che l’attuale terzo pilota dell’Alpine, potrebbe essere dato in prestito dai francesi ad altre scuderie, come per esempio Williams o Haas, in modo tale da farlo esordire in Formula 1 e fargli fare la dovuta esperienza.

Nel caso in cui, Piastri dovesse bussare alla porta della Haas, non sarà di certo una bella notizia per Mick Schumacher. Il giovane pilota tedesco, il cui contratto con gli statunitensi è in scadenza a fine anno, rischia di rimanere a piedi dalla prossima stagione, considerando che anche la Scuderia Ferrari, ha recentemente blindato Carlos Sainz con un rinnovo fino al 2024.

Dilemma Alpine: rinnovare Fernando, e Piastri?

Altro dilemma per Mick, è rappresentato dall’operazione Fernando Alonso. A quanto pare, lo spagnolo è vicino a firmare un nuovo contratto con il team Alpine. In quel caso, si chiuderebbero le porte per Oscar Piastri, che era in lista per poter diventare pilota ufficiale, ed esordire in Formula 1. Motivo per cui, voci di corridoio parlano della possibilità, di fargli ottenere un sedile in Williams o in Haas per il 2023.

Saward ha così scritto, nella sua ultima rubrica: “Nel paddock, tutti i segnali ci dicono che Fernando, firmerà presto un nuovo contratto biennale con Alpine. Il che significa, che rimarrà fino al termine del 2024″.

“Dopodiché, i francesi sperano di portarlo nel loro nuovo programma LMDh (classe regina del WEC). Fernando è un ragazzo intelligente, e sa che l’essere scaricato, potrebbe essere una cosa negativa per Alpine”.

“Ma con Oscar Piastri, rimasto in panchina aspettando dietro le quinte, Fernando dovrà non solo essere più performante, ma anche essere supportato. Ha da poco annunciato, una sponsorizzazione personale con Castrol, fornitrice di carburante di Alpine. Una mossa, che renderebbe più difficile per Alpine, muoverlo dal proprio sedile. Una mossa astuta,” ha così raccontato Saward.

Ma, con la permanenza anche di Esteban Ocon fino al termine del 2024, Alpine ha bisogno di trovare un sedile per Piastri.

De Vries verso la Williams?

Saward ipotizza la Williams, come la scelta ideale, dato che il team ha sicuramente bisogno di un secondo pilota più forte di Nicholas Latifi. Il pilota canadese, non ha iniziato molto bene la sua stagione 2022, autore anche di molti incidenti.

L’unico problema, è che Williams vuole costruirsi da sola il proprio team di piloti, e Piastri non fa parte di quella linea di pensiero. 

Williams, secondo Saward, potrebbe ingaggiare Nyck de Vries, pilota e campione della Mercedes Formula E, che si sta guardando in giro, per poter ottenere un sedile in Formula 1. Mercedes è prossima a lasciare la categoria elettrica, e venderà il team alla McLaren. 

De Vries è stato un pilota McLaren, ed è stato scaricato dall’attuale dirigenza nel 2019. Perciò, preferirebbe ottenere un posto in Formula 1, nel caso in cui ci fossero delle opzioni disponibili. Guardando alla Williams, sembra che siano interessati al pilota olandese,” ha così aggiunto Saward.

Ma, Oscar Piastri, nel caso potesse scegliere, preferirebbe guidare in un team da fondo della griglia come la Williams, o la Haas? Vedremo, cosa succederà nel mercato piloti, che si prospetterà come sempre interessante.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.