Analisi della redazioneFormula 1

A Silverstone Hamilton evita l’incidente diplomatico

Sir Lewis si butta in diplomazia estera e vince il GP di casa per evitare un disguido con l’ambasciata italiana. Ma qualcuno si è accorto di Bottas?

Sir Hamilton si fa strada sull’italica Ferrari e vince la battaglia di Silverstone, evitando un incidente diplomatico dopo la finale di EURO2020

C’era una volta nel lontano ventunesimo secolo uno sport chiamato “Formula 1”. Qui le vetture appositamente create si sfidavano su un tracciato a suon di alta velocità per decretare il cavaliere vincente. Il format includeva una qualifica nel giorno del sabato in cui a ogni sessione si eliminavano cinque piloti. Tuttavia il re Domenicali decise di aggiungere, al posto di questa modalità ottimale, una gara per decretare la griglia di partenza, suscitando eccessivo scalpore nel reame. Ed è qui che le gesta dei nostri eroi si intrecciano. A Silverstone Verstappen soffia la pole al Sir Hamilton, che però riesce arditamente a vincere il Gran Premio, evitando l‘incidente diplomatico con le italiche Ferrari.

La questione è già stata posta. Su quale gara andrebbe redatta questa rubrica? A Silverstone questo weekend è andata in scena la prima “sprint race” nella storia della Formula 1, in cui Super Max riesce a entrare nell’albo degli eroi laureandosi il primo a vincere la qualifica sprint, rubando la pole a Hamilton. Un gesto che ha fatto scalpore. Tanto da far suscitare la rabbia in Lewis che riesce a speronare via il rivale olandese per assicurarsi una vittoria. Max risponde per le rime accusandolo di essere stato ipocrita a festeggiare dopo il suo ricovero. Tra moglie e marito non mettere il dito. O lo champagne.

FERRARI SUL PODIO

È un uccello? È un aereo? È Superman? No! È Charles Leclerc! Il vero eroe di questa giornata, oltre a Verstappen che è riuscito ad alzarsi con le sue gambe dopo lo scontro a 51G di accelerazione, è Charles Leclerc. Il monegasco rimane in testa per tutto il Gran Premio sulla sua italiana Ferrari. Solo negli ultimi giri Sir Lewis riesce a superare il rosso e ad incoronarsi per l’ennesima volta re d’Inghilterra. Alla faccia di re Giovanni Senzaterra. È chiaro che il programma di Hamilton era evitare l’incidente diplomatico tra la regina Elisabetta e il nostro Sergio Mattarella in seguito alla vittoria dell’Italia nella finale EURO2020.

Una menzione speciale va ai grandi assenti di questo GP, ossia Sergio Perez e Valtteri Bottas. Come? Bottas è salito sul podio? Perez ha fatto il giro veloce togliendo di fatto il punto addizionale ad Hamilton? Ah. Nonostante in qualche modo siano stati decisivi ai fini del punteggio, quasi nessuno si è accorto della presenza dei due scudieri dei contendenti al titolo. Infatti Perez sembra che dopo aver rubato il punto del giro veloce ad Hamilton, mentre ancora era a pascolare in Austria, preso da un attacco di “mediterraneità” acuta, abbia deciso di cambiare il suo numero. 79, ” ‘o mariuolo”.

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.