DichiarazioniFormula 1

Wolff e Brown: “Mantenere il DRS anche per il 2022”

Non è ancora arrivata l’ora di eliminare il Drag Reduction System secondo Mercedes e McLaren. Bisognerà prima testarlo sulle nuove vetture per prendere una decisione

Quando verrà accantonato il DRS? L’obiettivo delle nuove regole è quello di eliminarlo, ma secondo Wolff e Brown ciò non dovrebbe accadere nel 2022

E’ da poco stato presentato il modello di vettura della nuova era della Formula 1, che, insieme al cambio di regolamento, si prospetta essere più competitiva delle altre. Su di essa non vi era però un elemento fondamentale negli ultimi anni, il Drag Reduction System. Questo strumento era stato introdotto per agevolare i sorpassi e dovrebbe risultare inutile sulla nuova monoposto. Zak Brown e Toto Wolff sono però dell’idea di mantenere il DRS almeno per la prossima stagione.

Non ci sono infatti garanzie riguardo agli esiti a cui le nuove regole porteranno. La speranza è quella di fornire ai piloti una maggiore competitività, affinché anche coloro che guidano per scuderie meno blasonate possano ottenere buoni risultati. Ma di certezze, come già detto, non ce ne sono; dunque la proposta sarebbe quella di provare a vedere come funziona il DRS sulle vetture della nuova era durante il corso del 2022. Nel caso si rivelasse inutile, si potrebbe eliminarlo a partire dall’anno seguente.

BISOGNA METTERE LE VETTURE IN PISTA E SCOPRIRE

A parlare del DRS sono stati principalmente Brown e Wolff per l’edizione olandese di Motorsport.com. Il CEO della McLaren riferisce ottimismo da parte della sua scuderia per quanto riguarda la nuova era: “Da quello che sento dire da tutti, sia all’interno della mia squadra che al di fuori, tutti pensano che le nuove regole funzioneranno. Ma penso che non si saprà con certezza finché non si scenderà in pista“. Dichiara dunque come, secondo lui, sia meglio mantenere questo strumento almeno agli inizi. Se ci saranno aggiustamenti da fare, lo si vedrà in corso d’opera, come sta accadendo per le sprint qualifying.

Anche il team principal della Mercedes rivela il proprio pensiero a riguardo. Da parte sua, il Drag Reduction System è visto come una parte fantastica dello spettacolo“, ma non nega la possibilità che questo venga abolito nel caso si rivelasse non indispensabile. “Il DRS è stato introdotto per ridurre la resistenza aerodinamica al fine di favorire i sorpassi. Ma se in futuro i piloti riusciranno a sorpassarsi più facilmente, allora il DRS non sarà più necessario” dichiara Wolff.

Carlotta Ramaciotti

Carlotta Ramaciotti

Sono solo una ragazza italiana, qui per condividere il proprio amore per il motorsport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.