DichiarazioniFormula 1

Wolff: “Dobbiamo aumentare la fiducia dei piloti”

Nessun giro di parole per il team principal della Mercedes, che ammette che il lavoro del 2021 si focalizzerà principalmente nella fiducia

Toto Wolff, team principal della Mercedes, ha ammesso che il suo team deve lavorare di più per aiutare a mantenere alta la fiducia dei suoi piloti.

Toto Wolff ha analizzato la stagione 2020 di Valtteri Bottas con le sue difficoltà, evidenziando il cambiamento di mentalità del finlandese nel momento in cui le probabilità di correre per il titolo sono diventate nulle. La lampadina nella mente di Toto si è accesa proprio in occasione del weekend di Sakhir, in cui il nuovo arrivato George Russell ha messo in ombra il pilota esperto.

LA SVOLTA PSICOLOGICA

La svolta è arrivata quando lo stesso pilota finlandese si è aperto in radio con il box chiedendo esplicitamente di essere incoraggiato maggiormente dal team principal: “Quello che dobbiamo guardare, e che dobbiamo lavorare in modo collaborativo, e che per i piloti quello che conta è vincere il campionato del mondo. E per questo è stato deciso che, dobbiamo scoprire come mantenere alti i livelli di energia.

Proseguendo il team principal delle Frecce d’Argento ha ammesso che: Il margine tra la vittoria e la sconfitta, tra essere l’eroe ed essere zero, è così piccolo in questo sport. Infatti, se Valtteri avesse vinto in Bahrain 2 nessuno lo avrebbe criticato. Quindi non dobbiamo oscillare tra esuberanza e depressione in termini di giudizio sui piloti”.

LA VERITÀ

Nonostante Valtteri Bottas abbia concluso la stagione 2020 con 124 di distacco da Lewis Hamilton, per Toto ciò non rappresenta il vero potenziale del finlandese poiché: “Valtteri ha avuto alti, ma quest’anno i bassi sono stati più di quanti ne meritasse. I punti bassi della stagione però, non sono dovuti alle sue prestazioni, ma è stata semplice sfortuna”.

Concludendo, ha poi ammesso: “Quante volte è stato al comando di una gara che probabilmente avrebbe vinto prima che venisse sventolata la bandiera rossa? O prima che subisse una foratura? Ciò è avvenuto in molte occasioni. Penso che avrebbe potuto avere una manciata di vittorie in più. Di conseguenza il campionato sarebbe potuto rimanere aperto più a lungo“.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.