DichiarazioniFormula 1

Webber durissimo: “I piloti dicono di aver fatto sacrifici? Stron*ate”

L’attuale manager di Oscar Piastri ha puntato il dito verso i suoi colleghi oggi in pista

Webber ha voluto smentire le affermazioni dei piloti che dicono di aver compiuto parecchi sacrifici per raggiungere la massima serie

Si sa, arrivare in Formula 1 può essere molto complicato non solo dal punto di vista dei costi, ma anche per altre varie e numerose circostanze. A oggi il centro della massima categoria è l’Europa, motivo per il quale chi viene da altri continenti deve lasciare casa molto presto. E a questo proposito non sono certo passate inosservate le dichiarazioni di Mark Webber che ha accusato i piloti di raccontare solamente delle fesserie quando parlano dei propri sacrifici. “Vieni pagato una bella somma di denaro per fare un lavoro fenomenale. – ha detto al podcast Performance HackersBeh, non è assolutamente un peso. Le persone che parlano di rinunce dicono solo un mucchio di stron*ate.

L’attuale manager del neo pilota McLaren, Oscar Piastri, crede che occorra essere positivi: “Io lo sono sempre stato, anche quando a fine carriera avevo contratti di un solo anno. Tra me e me pensavo ‘Se porterò valore a me, alle persone che mi circondano e alla squadra, mi rinnoveranno’. Tutto questo non poteva fare altro che stimolarmi a far meglio. A testimoniare queste parole è proprio la carriera dell’ex pilota australiano, il quale ha ammesso lui stesso come all’inizio non sia stata per niente facile. “Il mio primo contratto in Formula 1 era per sole due gare e purtroppo non avevo scelta. Quindi che dovevo fare?  Abbattermi o provare a fare di tutto per avere una conferma?”, il commento finale di Webber.

Martina Luraghi

Amante dello sport: a primeggiare sono ovviamente i motori, ma anche il calcio e un pizzico di tennis. Tra gli altri interessi spiccano la musica e tutto ciò che riguarda il Giappone, da cui nasce la mia voglia di viaggiare. Il mio grande obbiettivo è far diventare la mia passione un vero e proprio lavoro, arrivando a girare per i paddock di tutto il Mondiale di Formula 1. "Believe it." è da sempre il mio motto che rispecchia il mio carattere ambizioso e la determinazione che ho nel raggiungere i miei sogni. Può sembrare banale, ma voglio svegliarmi la mattina essendo felice perchè faccio quello che amo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button