DichiarazioniFormula 1

Vowles senza veli su Hamilton: “Un mercenario”

L’ingegnere inglese dice la sua sul sette volte campione nel podcast “Beyond the grid”, non risparmiando qualche appunto sulla sua avventura in McLaren

“Un mercenario e molto meno spirito di squadra di quando lavorava con noi in McLaren” ecco le parole di Vowles su Hamilton al podcast “Beyond the grid”

Nove anni fa Lewis Hamilton lasciava la McLaren, con un mondiale vinto nel 2008, a grande sorpresa dei tifosi e del suo team. Nel 2012 si unisce alla Mercedes al fianco del suo vecchio compagno di karting Nico Rosberg, considerando il team tedesco molto più competitivo della McLaren. Proprio per questo motivo Vowles definisce Hamilton come “un mercenario”. Nel suo primo anno alla Mercedes si assicurò una sola vittoria.

Ma dall’anno successivo la scuderia vinse ogni mondiale nell’era dei motori ibridi e Sir Hamilton, tranne nel 2013 e 2016, si è portato a casa il mondiale piloti. James Vowles, a capo della strategia McLaren all’epoca, si racconta nel podcast “Beyond the grid” e si lascia sfuggire indiscrezioni sul pilota inglese. “Quando si è unito a noi, era un mercenario. Era qui per vincere le gare. Quel desiderio di vittoria non è scomparso, ma quello che ha realizzato è che se lo si fa con una squadra, lo si deve fare come parte integrante di essa. Così come risultato si ottiene quello di diventare il più grande sportivo che esiste”.

Prosegue affermando: “Ciò non lo si può fare da solo. E’ molto diverso rispetto al pilota che era con noi”. Ovviamente i primi anni in McLaren sono stati formativi per il giovane Hamilton, ma successivamente negli anni ha saputo ottimizzare il suo approccio sia fuori che dentro la pista. Tutt’oggi infatti viene considerato uno dei migliori in molte aree, come a esempio la gestione delle mescole.

SECONDO RON MEADOWS LEWIS HAMILTON E’ DIVENTATO PIU’ CALCOLATORE NELL’INSEGUIMENTO AL TITOLO MONDIALE

Tutti i piloti, ovviamente, puntano a vincere un titolo mondiale, ma quando arrivi a vincerne sette è tutta un’altra storia. Ron Meadows, direttore sportivo, dice la sua su come l‘approccio di Lewis sia cambiato nell’inseguire un titolo mondiale. “Penso che all’inizio, questo desiderio implacabile di vincere ogni gara si manifesti nella sua guida. Penso che ora sta diventando un pilota molto più calcolatore” ha dichiarato.

“Dal primo giro della prima gara, sta pensando al campionato, sta pensando
molto di più a prendersi cura della monoposto e delle mescole“. E continua, aggiungendo: “Certamente il suo approccio al fine settimana, il suo modo di gestire la vettura e tutto il resto sta diventando davvero calcolato, pulito e clinico”. Dal quadro che ne fa Meadows, dunque, Hamilton risulta molto più stratega oggi di quanto non lo fosse nel decennio precedente.

Maria Sole Caporro

Maria Sole Caporro

Sono Maria Sole, romana e romanista, laureata in lingue e letterature. Sono da sempre appassionata di motori da quando fin dalla tenera età non potevo andare al mare la domenica perché i miei genitori dovevano vedere il GP. Cresciuta a pane e formula 1 con contorno di letteratura, sono qui per coniugare la mia voglia ed esigenza di scrivere e la passione per le monoposto.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.