DichiarazioniFormula 1

Villeneuve: “Mercedes e Hamilton caduti dal piedistallo”

Il campione del mondo 1997 commenta la deludente performance delle Frecce d’Argento e fa un pronostico che non sa proprio di ottimismo

Notte fonda per Mercedes. C’è già chi li considera fuori dai giochi per il titolo mondiale

Sembra quasi impossibile che da quell’ultima gara della stagione 2021 di Abu Dhabi a oggi siano trascorsi solo poco più di tre mesi. Effettivamente, prendendo la prestazione Mercedes come unico punto di riferimento temporale, riesce davvero difficile pensare che un team vincente come quello anglo-tedesco, otto volte campione del mondo in carica e casa del sette volte iridato Lewis Hamilton, possa essere così velocemente sprofondato in una crisi tecnica come quella attuale. Sarà che il botto è stato tanto forte quanto lo era la convinzione, durante i test pre-stagionali, di aver dato vita a un progetto più che vincente, rivoluzionario quanto efficace, ma che invece si sta rivelando deludente e molto, troppo, al di sotto delle aspettative.

La criticità della situazione Mercedes è stata perfettamente resa dall’estremo tentativo di Hamilton di mettere mano sull’assetto della sua W13 in occasione delle passate qualifiche a Jeddah, con la speranza, o forse l’illusione, di essere testimoni di un miracolo su quattro ruote, di quelli che ti fanno recuperare 6 decimi di svantaggio sui diretti rivali. Morale? Non ha funzionato. E così il buon Lewis si è ritrovato escluso dalla Q2, lanciato verso una gara del tutto in salita.

Villeneuve e Schumacher d’accordo: per Mercedes sarà molto difficile aggiustare il tiro

Jacques Villeneuve ha parlato del difficile momento della Mercedes, sottolineando come adesso tutto sta nel vedere come reagirà il team a una situazione inaspettata e sconcertante: “Ovviamente sono caduti dal piedistallo. Per anni hanno potuto minimizzare i danni durante i brutti weekend con un motore superiore; ora non è più così. Sarà interessante vedere come reagirà la squadra perché Toto Wolff e Lewis Hamilton non sono abituati a questo. Ma possiamo già dire che competere per il titolo non è più un’opzione“, ha commentato Villeneuve, “Lewis ha sempre avuto una macchina perfetta e non ha mai dovuto spingere perché erano molto più veloci“, ha aggiunto il canadese.

Ralf Schumacher è d’accordo con Villeneuve. Il tedesco crede che Russell sia addirittura favorito rispetto a Hamilton, complice la recente dura esperienza in Williams, team delle retrovie in cui il giovane inglese ha dovuto lottare ogni giorno: “Russell sta anche dimostrando che Hamilton ha un partner da contrastare, il che sarà eccitante. Russell non è qualcuno che sarà felice della sua attuale posizione di secondo pilota. Ma, d’ora in poi, sono molto lontani dal campionato. Quando possono competere di nuovo, Leclerc e Verstappen saranno troppo lontani“, ha dichiarato Ralf a Sky Germania, “Sarà interessante vedere come reagiranno la Mercedes e gli sponsor. Nessuno di loro è abituato a questo e con il budget cap sarà difficile cambiare strada“, ha poi concluso.

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, ho una Laurea Triennale in Lingue Straniere e una Laurea Magistrale in Linguistica, entrambe conseguite nella Capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, spazio, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.