DichiarazioniFormula 1

Vettel: “Non ho mai avuto paura dei miei rivali”

Il pilota tedesco afferma che vincere più volte in Formula 1 non ti rende immune dalle critiche e dalle spiacevoli sorprese che possono presentarsi

Sebastian Vettel afferma che in Formula 1 non serve a niente ciò che un pilota ha vinto l’anno precedente. All’inizio di ogni stagione, il successo del Campione del Mondo in carica va a scemare, infatti diventa sempre di più un ricordo sbiadito nel tempo

Sebastian Vettel evidenzia, a tal proposito, tutti i fattori coinvolti nella lotta tra compagni di squadra e riporta, ad esempio, ciò che influenzò la sua sconfitta contro Daniel Ricciardo nel 2014. I tifosi di calcio rabbrividiscono se ripensano a sconfitte clamorose come quella del Real Madrid contro l’Alcorcón, nella Copa del Rey 2009-10. Il tedesco con questo paragone, ricorda che vincere una, due, tre e persino quattro volte in Formula 1 non ti rende nettamente superiore e non ti rende immune in quanto ci possono sempre essere delle sorprese.

“E’ come nel calcio: la prima in classifica deve sempre vincere contro la seconda, ma può succedere che improvvisamente la prima perda contro la 15esima”, ha affermato il tedesco della Rossa di Maranello nelle dichiarazioni rilasciate alla rivista tedesca Motorsport Magazin. Il quattro volte Campione del Mondo ha fatto questo confronto con il calcio quando gli è stato chiesto della sua sconfitta contro il suo ex compagno di squadra australiano nel 2014, data la somiglianza che i fan del Circus hanno riscontrato quest’anno, guardando le battaglie contro il suo attuale compagno di squadra Charles Leclerc.

IL 2014 NON E’ STATO UN GRANDE ANNO PER IL TEDESCO

“Capisco che si ricordino del 2014. Ho perso contro Ricciardo, i numeri dicono ciò ma so anche che nel 2014 alcune cose non sono andate come previsto. Il mio obiettivo principale nel 2014 non era salire sul podio o finire quinto, era vincere le gare. Forse il mio atteggiamento in quel momento era leggermente diverso da quello di Daniel. Ma oltre a ciò, il 2014 non è stato un grande anno. Non voglio dire di non aver avuto fortuna, ma ho avuto diverse delusioni. La monoposto non ha funzionato come avrebbe dovuto, questo può distorcere l’immagine e i numeri, ha così dichiarato Sebastian Vettel.

“E’ importante che si sappia come è andato l’anno e come mi sono sentito. Ho assistito in prima persona al successo di Daniel Ricciardo nel 2014, come suo compagno di squadra. Non ho alcun problema, ma sono anche sicuro di poter battere gli altri. Non ho paura dei miei rivali, non ne ho mai avuto. Non ha senso voler vincere, essere il primo e temere la competizione, queste due cose non possono assolutamente coesistere, sono l’opposto”, ha così concluso il quattro volte Campione del Mondo.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button