DichiarazioniFormula 1

Vettel: in Aston Martin con una nuova mentalità?

Il tedesco ha ammesso di avere ancora bisogno di tempo per adattarsi alla monoposto, ma anche di essere molto calmo e ottimista

Il quattro volte campione del mondo non è preoccupato dal cambio di scuderia e da ciò che lo aspetta, anzi è determinato a dare sempre di più

Che ci sia bisogno di sentirsi maggiormente a proprio agio con la monoposto, Sebastian Vettel lo ha già ammesso. Del resto, il tedesco arriva da un’esperienza in Ferrari molto particolare e il passaggio a un nuovo team e a una nuova vettura è sempre qualcosa che va affrontato con calma e concentrazione. Tuttavia, nonostante il problema al cambio occorso durante i test in Bahrain, Vettel non è preoccupato dalla situazione e dal lavoro da svolgere in Aston Martin.

Non sono preoccupato“, ha rivelato. “Forse è l’età, forse l’esperienza. Probabilmente 10 anni fa sarei andato nel panico. Ma se dovesse succedere ora, sarebbe d’aiuto a qualcuno? Probabilmente no“. Così Vettel ha descritto il proprio stato d’animo, dimostrando una maturità e un modo di pensare che forse un po’ cozzano con quanto visto lo scorso anno in pista, quando l’abitacolo era quello della Ferrari.

È stato detto e pensato da molti, no? Quante volte lo stesso Vettel è stato messo alla gogna perché “non sapeva reggere la tensione“, oppure “non aveva più il carattere del pilota“? E invece, le dichiarazioni rilasciate dopo i test e riportate anche da Motorsport, lasciano trasparire un altro tipo di driver, che sembra essere ben consapevole del lavoro che lo aspetta e che dovrà essere fatto con Aston Martin.

PER VETTEL E ASTON MARTIN L’IMPORTANTE È RIMANERE CALMI E CONCENTRATI

Stiamo cercando di fare il nostro lavoro e di usare il tempo che abbiamo a disposizione. C’è ancora molto da fare, per me gli ultimi giri sono stati fondamentali. Sarebbe potuta andare molto peggio: quindi, in vista dell’inizio del mondiale, potremmo rimanere sorpresi oppure no. Insomma, penso che sia necessario rimanere calmi, fare una cosa alla volta e cogliere le occasioni quando sarà il momento“.

Oltre a questo, Vettel è convinto che anche gli altri piloti – nonostante il maggior numero di giri completati – abbia bisogno di ancora un po’ di tempo per trovare il giusto feeling con la monoposto. Al di là di qualche problema riscontrato da alcuni, come Mercedes e Ferrari per esempio, il tempo per acquisire tutte le informazioni necessarie all’avvio della stagione è stato molto limitato. Di conseguenza, nulla è ancora certo sulla situazione di ciascuna scuderia.

Siamo onesti“, ha concluso il pilota della Aston Martin. “È abbastanza difficile da mettere in pratica: dobbiamo salire in macchina e correre. Puoi anche usare il simulatore tutto l’inverno, ma non è la stessa cosa. Non penso sia possibile che qualcuno scenda dalla macchina e sia allo stesso livello dello scorso anno, con 17 gare alle spalle in 20 settimane. Naturalmente, ci vorrà del tempo per mettersi al passo. Ma di sicuro ci sono alcuni piloti che hanno bisogno di più tempo, altri di meno“.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.