Curiosità dalla F1Formula 1

Verstappen, il titolo iridato è questione di…statistiche?

A poche gare dalla fine del mondiale non ci sono ancora certezze su chi diventerà il prossimo campione, anche se per i più superstiziosi sembrano esserci già degli indizi

Tutto può cambiare nelle ultime battute del 2021, ma sembra che i numeri parlino chiaro e che un vincitore sia già stato scelto

Probabilmente con questo articolo cambieremo le sorti del mondiale…oppure no. Fatto sta che, stando alle ultime statistiche, il prossimo Campione del Mondo sarebbe già stato scelto. Non c’è dubbio che la lotta al mondiale sia ristretta a Lewis Hamilton e Max Verstappen, con l’olandese che attualmente si trova virtualmente in testa alla classifica piloti. Tuttavia, l e statistiche degli ultimi dieci anni sembrano sorridere proprio al pilota della Red Bull.

Carta e penna alla mano, alcuni superstiziosi hanno calcolato i piloti che sono usciti in testa al mondiale dopo la sedicesima gara, sono stati gli stessi che poi hanno potuto coronare il sogno iridato. Stando a questa affermazione, Verstappen avrebbe quindi già tutte le carte in tavola per diventare il prossimo campione, avendo guadagnato 6 punti su Hamilton dopo il Gran Premio di Turchia.

LA FORMULA 1 VISTA COME UNO SPORT CICLICO

Sembra che la categoria regina del motorsport possa essere intesa come uno sport ciclico, all’interno del quale le statistiche possono fungere da alleate importanti nella definizione dei prossimi campioni del mondo. La questione della sedicesima gara, in effetti, si è ripetuta alcune volte nel corso della storia della Formula 1.

Tra il 2011 e il 2013 con Sebastian Vettel, per esempio. E poi negli anni in cui a vincere il titolo mondiale è stato lo stesso Lewis Hamilton. Ancora, la vittoria di Nico Rosberg nel 2016 ha subito le stesse sorti: al termine della sedicesima gara, il pilota tedesco era davanti al compagno di squadra che, proprio quell’anno, ha dovuto rinunciare all’ennesimo sogno iridato.

Insomma, i numeri sarebbero dalla parte di Verstappen, anche se sappiamo bene quanto le cose possano cambiare nel giro di poche gare. Anche perché, a dirla tutta, non si tratta di statistiche del tutto affidabili. Nel 2010, infatti, Vettel vinse il suo primo titolo mondiale, ma al termine della sedicesima gara non era affatto in testa alla classifica piloti. Anzi, si trovava in terza posizione. Di conseguenza, l’olandese della Red Bull non può ancora dormire sogni tranquilli, soprattutto quando alle spalle trova un pilota affamato di vittoria come Lewis Hamilton.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.