DichiarazioniFormula 1

Vasseur: “La C39 è frutto del duro lavoro”

Dopo aver svelato la nuova monoposto Alfa Romeo, il team principal e il direttore tecnico hanno rilasciato le prime dichiarazioni sulla C39

Prima dell’accensione dei semafori, che segnano l’inizio dei test di Barcellona, i piloti del team svizzero dell’Alfa Romeo hanno svelato il nuovo progetto.

La livrea, svelata questa mattina a Barcellona, presenta un design deciso per rendere omaggio alla tradizione Sauber Motorsport, che quest’anno compie il 50esimo anniversario della fondazione del team. Nonostante la nuova monoposto possa sembrare molto simile a quella dell’anno precedente, la C39 presenta, invece, un concetto completamente nuovo che aiuta il team a progredire sempre di più per avanzare fino alle prime posizioni della griglia. A suggerirlo sono stati Vasseur, team principal, e Monchaux, direttore tecnico, nelle prime dichiarazioni che hanno rilasciato in giornata.

VASSEUR: “VOGLIAMO FARE UN LAVORO MIGLIORE DOMANI DI QUELLO FATTO OGGI”

Il team principal ha esordito affermando:La C39 è il prodotto del duro lavoro e della visione di un grande gruppo di persone altamente impegnate. Questa è la testimonianza della qualità di tutti i membri del nostro team. Speriamo che ci possa aiutare a far avanzare la squadra e raggiungere i nostri obiettivi. L’obiettivo principale non è cambiato: vogliamo sempre migliorare e fare un lavoro migliore domani di quello che abbiamo fatto oggi”.

Ha poi aggiunto: “Siamo un team in crescita e dobbiamo ancora migliorare in ogni singola area e in ogni singolo reparto dell’azienda. Questo è un progetto a tempo indeterminato, non c’è un traguardo perché tutti devono essere completamente concentrati e dedicati. Stiamo andando avanti, abbiamo già fatto un grande passo rispetto a dove eravamo all’inizio del 2018, ma dobbiamo continuare su questa strada”.

MONCHAUX: “LA C39 È L’EVOLUZIONE DEL PROGETTO 2019”

A esprimere la propria opinione sulla monoposto 2020 è stato anche il direttore tecnico Jan Monchaux: “La C39 è un’evoluzione della vettura dello scorso anno, anche se non condividono molti aspetti. Abbiamo migliorato ulteriormente la nostra vettura, esclusi i cerchi, gli pneumatici e alcune componenti interne. È il classico processo di costante miglioramento nonostante sia una monoposto nuova di zecca”.

Ha poi concluso sostenendo: “Ci aspettiamo di migliorare ciò che abbiamo realizzato la scorsa stagione, fare un passo avanti e sperare di poter lottare per la posizione al vertice del centrocampo.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.