DichiarazioniFormula 1

Vandoorne: “Fa male non essere alla guida della Mercedes”

La decisione della Mercedes di scegliere George Russell al posto di Stoffel Vandoorne per il GP di Sahkir ha fatto mal al pilota belga

Dopo l’annuncio della positività al Covid-19 di Lewis Hamilton, la Mercedes si è trovata davanti a un bivio per sostituirlo. Scegliere Stoffel Vandoorne, pilota di riserva o George Russell pilota Junior

La decisione della Mercedes per scegliere il sostituto del sette volte campione del mondo di F1 è stata molto difficile, poiché i possibili candidati per il suo sedile erano tre. Questi erano i due piloti di riserva Stoffel Vandoorne ed Esteban Gutierrez, e il pilota Junior George Russell, con il messicano però non disponibile a causa della mancanza di punti necessari sulla superlicenza.

Dunque, la scelta del team di Brackley si è dovuta ridurre al loro pilota di Formula E e al pilota britannico della Williams. Infine, l’ago della bilancia in favore di George è stato l’esperienza e la costanza, questa calcolata nei due anni in Formula 1 con Williams, a differenza di Stoffel che guida in Formula E ma non mette piede in una monoposto della massima serie dal 2018.

LA REAZIONE

Dopo la decisione annunciata dal team il pilota belga è stato in “silenzio stampa”, mentre il giorno dopo con un post sul suo profilo Instagram ha riversato tutta la sua delusione, augurando innanzitutto a Lewis Hamilton: “Una buona guarigione e spero che tornerai in auto al più presto”.

Per poi ammettere che: “Ovviamente, sono deluso di non avere la possibilità di guidare per Mercedes questo weekend. Dopo aver viaggiato tutto l’anno con il team in tutti i weekend di F1 e avergli dedicato così tanto tempo, dopo essermi allenato e impegnato… questa decisione fa male“.

Nonostante ciò però Stoffel ha ammesso di avere: “Rispetto per la scelta di mettere George in macchina. È stato uno dei piloti di spicco e merita pienamente quest’opportunità. Sono momenti come questi che rendono la carriera ancora più grande”. Ma ha anche voluto tranquillizzare i suoi tifosi: “Posso assicurarvi che continuerò a dare il 100%. Grazie mille a tutti per tutti i vostri messaggi di supporto! Ci vediamo comunque in Bahrain”.

Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 23 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi occuparsi di motorsport. Successivamente ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.