Formula 2Gran Premio Belgio

Un logo per omaggiare Hubert oltre il minuto di silenzio

La F2 ha creato un logo per ricordare Hubert, pilota scomparso in occasione del GP del Belgio 2019, oltre ad effettuare un minuto di silenzio

La Formula 2 ha creato un logo per omaggiare Anthoine Hubert, logo che sarà riportato su tutte le monoposto di F1, F2 e F3 sul circuito di SPA.

Questo weekend del GP del Belgio coinciderà con lo stesso del 2019, nel quale il pilota francese Anthoine Hubert perse la vita proprio sul Circuito di Spa-Francorchamps, e per ricordarlo oltre ad aver ritirato il suo numero, la Formula 2 ha deciso di creare un logo da utilizzare sulle monoposto di tutte le serie per omaggiare la sua memoria.

L’ANNUNCIO DELLA F2

È stata la stessa serie propedeutica alla Formula 1 ad annunciare con un piccolo comunicato la creazione del logo, dichiarando: “Per onorare Anthoine, è stato creato un logo con le sue iniziali, il suo numero e un elemento chiave del design del suo casco, una stella.  In una dimostrazione di unità, i team di F1, F2 e F3 mostreranno questo logo sulle proprie monoposto questo weekend, per comunicare che Anthoine farà sempre parte della nostra famiglia“,

IL MINUTO DI SILENZIO

Non solo un logo per ricordare il francese scomparso prematuramente, ma la Federazione ha comunicato che verranno effettuati due momenti in cui ci sarà un minuto di silenzio in onore di Anthoine, il primo avverrà sabato prima della gara di Formula 2, il secondo avverrà domenica prima della gara di Formula 1.

Anche qui, è la F2 che comunica il tutto, dichiarando: Un minuto di silenzio sarà osservato sulla griglia di partenza della gara di sabato per ricordare Anthoine e mostrare alla sua famiglia e ai suoi cari il nostro sostegno. Domenica la Formula 1 osserverà anche un minuto di silenzio prima del Gran Premio, molti degli amici di Anthoine lo ricorderanno. Questo weekend correremo per Anthoine”.

Fra tutti i piloti della griglia della massima serie automobilistica, sono tre i piloti che avevano un rapporto stretto con il pilota francese, e questi erano il connazionale Pierre Gasly, che nella giornata di giovedì nel consueto giro di ricognizione della pista a piedi, ha posto un mazzo di fiori nel punto dell’incidente, poi Charles Leclerc e infine Esteban Ocon, infatti tutti hanno corso nei kart insieme per poi prendere successivamente strade diverse, con la speranza di ricongiungersi in F1, ma ciò non avverrà mai.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio