Formula 1

Tutto ciò di cui ha bisogno Bottas per diventare campione

Il pensiero di Webber e Coulthard, campioni di Formula 1, su ciò che ha bisogno il pilota finladese della Mercedes per vincere il titolo

Secondo Mark Webber, la mancanza di aggressività nella lotta ruota a ruota di Valtteri Bottas, sta compromettendo la capacità del finlandese di lottare per il titolo.

Finora Bottas si è goduto la sua migliore stagione con la Mercedes, finendo in seconda posizione nel campionato piloti, conquistando quattro vittorie nel 2019, ma ha chiuso la stagione a 87 punti dal suo compagno di squadra e campione del mondo Lewis Hamilton.

Non c’è dubbio che le prestazioni di Bottas stiano migliorando, ma deve ancora trovare gli ingredienti mancanti per salire al livello di Hamilton, e l’ex pilota della Red Bull, Mark Webber pensa che la “fame” e la “lotta ruota a ruota” sono quegli ingredienti mancanti.

IL PENSIERO DI MARK WEBBER

Parlando sul podcast di On 4 The Marbles di Channel 4, Webber ha dichiarato: “È stata una stagione difficile per Valtteri. La Ferrari doveva essere il team da battere dopo i test invernali, cosa che non è successa, e la Mercedes ne ha approfittato essendo molto più forte”.

Continuando, ha detto: “Poi abbiamo avuto la rinascita della Ferrari a metà stagione, e di nuovo Lewis ha mostrato la sua esperienza nel gestire la Ferrari. Spesso a Valtteri manca ancora un po’ di lotta ruota a ruota”.

IL PENSIERO DI COULTHARD

Bottas afferma di avere un piano per sfidare Hamilton la prossima stagione e un altro ex pilota di Formula 1, David Coulthard ha spiegato cosa pensava fosse necessario includere in quel piano: “Continuare ad evolversi durante la carriera al punto da diventare mentalmente stanco e rinunciare. Quindi non dubito che avrà gli insegnamenti di quest’anno, è un ragazzo brillante, ha la velocità, quindi sarà in grado di applicare ciò già l’anno prossimo”.

Continuando, ha dichiarato: “In sostanza, deve iniziare battendo Lewis in qualifica, che so ha svolto un lavoro abbastanza solido in questo senso, ma non solo una volta che lo farà, avrà bisogno di superarlo costantemente. Oltre a ciò, è difficile immaginare cos’altro possa fare perché tutto si riduce al tempo sul giro e all’azione in pista. Tutto il resto non conta davvero”.

Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 23 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi occuparsi di motorsport. Successivamente ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button