DichiarazioniFormula 1

Tsunoda: “Non ho paura di commettere errori”

Il pilota giapponese non vede l’ora di iniziare la sua avventura in Formula 1 senza paura di commettere errore, perchè sa di poterli usare per imparare e migliorarsi

Tsunoda non ha paura di commettere errori perché sa di poter migliorare durante il suo primo anno in Formula 1

Con l’avvento della stagione 2021, debutterà in Formula 1 il giovane talento giapponese Yuki Tsunoda. Dopo aver visto le sue qualità nel campionato di Formula 2, Marko ha deciso di non perdere tempo e promuoverlo garantendoli un sedile in AlphaTauri. Essendo il pilota più giovane in griglia, il ventenne sarà sottoposto ad una dura sfida. Tuttavia, Tsunoda non vede l’ora di iniziare la sua nuova nuova avventura spingendo sin dall’inizio, senza paura di commettere errori.

In un’intervista per il sito web dell’AlphaTauri ha così dichiarato: “Questa sarà la mia stagione da rookie e spingerò al massimo fin dall’inizio per adattarmi il più possibile alla macchina. Non ho paura di sbagliare, cercherò ovviamente di limitarli, ma all’inizio sono inevitabili. Sono fiducioso di poter imparare dai miei errori, come ho dimostrato lo scorso anno in Formula 2”.

“Sono davvero felice di avere il supporto dei fan giapponesi e sono orgoglioso di portare un altro pilota giapponese sulla griglia, dopo Kamui Kobayashi nel 2014. Per quanto riguarda la pressione, la metto su me stesso, quindi non cambia nulla. Voglio spingermi e avere successo”, ha così aggiunto.

“L’ANNO SCORSO SONO MIGLIORATO MOLTO”

All’inizio di questa settimana ha svolto due giorni di test con il team di Faenza sulla pista di Imola. Nonostante il poco tempo a disposizione, Yuki sembra già aver evidenziato i progressi di cui ha goduto anche l’anno scorso. Infatti, nel corso della scorsa stagione Tsunoda è diventato sempre più forte, imparando anche dai suoi errori. Ha incrementato la sua costanza e la sua velocità, due fattori che gli hanno permesso di ottenere tre vittorie, altri due podi e il terzo posto in classifica generale.

“L’anno scorso sono migliorato tanto in tutti gli aspetti del mio lavoro. Prima di tutto in termini di guida, ma anche in termini di mentalità per quanto riguardo a come mi approcciavo alle corse. È stata una stagione di grande successo, una delle migliori della mia carriera agonistica”, ha così commentato.

Infine ha concluso: “All’inizio avevo già un buon ritmo e potevo competere con forti rivali, ma mi è mancato costanza fino a metà stagione. Poi ho lavorato con un allenatore psicologico e ciò ha portato ha fatto migliorare molto anche la mia mentalità. Alla fine il duro lavoro che abbiamo fatto tutti è stato ripagato. So che il prossimo passo nella mia carriera non sarà facile, ma non vedo l’ora”.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.